martedì 30 dicembre 2014

Care segnalazioni: orgoglio bisiaco

E grazie alla segnalazione di Nicolò Giraldi e Fulvio Rogantin che ci hanno segnalato la segnalazione, ecco la segnalazione di buona fine e buon principio!
Ocio, la Bisiacaria è in pericolo!





sabato 6 dicembre 2014

San Nicolò vs Babbo Natale: who brings the regals to the triestin mocoloses?

Bon San Nicolò!
In regalo eco de novo el studio speciale su chi porta i regali ai triestini, se San Nicolò o Boba Natale.
Segreto: questo xe un anticipo de Monon Behavior 4, in lavorazion per el 2015. Ma se ciamerà tipo Monon Behavior Pre-Quel o qualcossa de simile.

San Nicolò vs Babbo Natale: who brings the regals to the triestin mocoloses?

DIEGO MANNA
Monon Behavior Research Department


Abstract
In the city of Triest, as in many cities of the world, in december the triestin mocoloses receive some regals. The tradition says that the official regalador is San Nicolò. However, some mocoloses think that it is Babbo Natale to bring them the regals. This study analyzes the differences between the two contendent to make finally chiarezz.
Key words: befana, feriera, ratapalz, ceenghiai, Polska… rivemo!
Introduction
In the city of Triest, from a lot of generations, during the nadaliz festivities the young mocoloses ciap a lot of regals. Traditionally, the popular credence is that these regals are portated by San Nicolò, but there is also an apocrif credence that it’s Babbo Natale who brings the regals. There is also the credence that it’s Little Jesus, but recent researches have dimostrated that he prefers to stay spaparanzated in the Presep, almen in this period, because he has ciolted ferie for his birthday. Also, he’s a little incazated with the third King Magio, who is an old insempiated and every year takes him mirra instead of birra. Last year, adiritur, the second King Magio was malated, so the third substituted him and poor Little Jesus received oro, Vincenzo and mirra. As this Vincenzo was a great scassamaroons, Little Jesus hated 2013 and esclaimed “a saver, fazevo finir per bon el mondo el 21.12.2012”.
There is also the Befana who brings some regals, but that old maranteega brings only oranges, mandarins and other bombons, that are regals of serie B in confront of the zogatols of nadal, so noone have her pel cool.
So the final war is between San Nicolò and Babbo Natale. Who of them brings the regals to the triestin mocoloses? The aim of this study is to put the final word on this diatribe.
Material and methods
To understand who’s the quel of the regals of Triest, we firstly used the solit first person scoionament sampling method (Manna, 2009), simulanding personalment the life of both of them. As we realize that this way was too much scoionant, we used the first person monade reading in cesso sentated sampling method (Manna, 2010), analyzing comodament the informations about the two old men on the highly scientific databases of Wikipedia, Forum Trieste and facebook group “Se stava meio co se stava pezo”. We then assigned triestinity points for each characteristic.
Results
Name
Babbo Natale: 
Babbo Natale, po’.
San Nicolò: San Nicolò, po’.
Triestinity points: both names can be pronunced with the typical triestin cadenz, Babbo Natalje and San Nicoljò. However, Babbo Natale is clearly not dialectal. To be triestin, he would have been called Babo Nadal, or Boba Nadal, or Bobana Dal, or Babo ‘Na Tara, or Boba Nagana, or…
San Nicolò 1 – Babbo Natale 0

Fig. Nadal. Babbo Natale in red with his favorite renn. Pupol by Chiara Gelmini.
Dress code
Babbo Natale: he is vestited in red (fig. Nadal), but many researchers think that in the origin he was green, and became red when he was pagated to make some reclams for the coca-cola.
San Nicolò: he is vestited with a long tunic of spritz color, and always has in his hands a ratapalz.
Triestinity points: it is evident that a triestin would never sell himself to a reclam of coca-cola, but piutost to a reclam of spritz. So, San Nicolò with his bright yellow tunic is the perfect spritz testimonial.
San Nicolò 2 – Babbo Natale 0
House
Babbo Natale: he lives all the year in Polo Nord, cagands himself indoss for the zeema.
San Nicolò: many think that San Nicolò is from Bari, the city. This is a great misunderstanding. Bari is not the city, Bari is the plural of Bar. So, San Nicolò lives all the year giranding all the baretts of Triest, drinking spritzets.
Triestinity points: fè voi ah…
San Nicolò 3 – Babbo Natale 0
Mezz of transport
Babbo Natale: he flies with his slittin sburtated by powerful cornuted renns.
San Nicolò:he hasn’t a slittin. He tried to pimp a boba bob using the cats of the major hospital as renns, but the cats didn’t have pel cool. He tried with dogs, but the dog of Trieste was always sad and never made him the feste neither to him that was his paron, so he send a postcard of protest to Trevisan that told him that the dogs of Trieste like only fiask of wine and no ga pel cool the rest (Lutazzi, 1968). He tried with cocals, so he could svolar as Babbo Natale, but all the cocals were at the Pedoceen and didn’t have pel cool.

Fig. Boboba. San Nicolò and the gnancapelcoolists. Pupol by Chiara Gelmini.
The only animals that spontaneament offer themselves were the ceenghiai, that wanted to make the cocolones to recuperate their rapport with the triestin people always incazated with them. But San Nicolò answered them that the only method to stay cocolones to triestins is that they become immediately parsuts, salams and ombols. Col cren (Fig. Boboba).
Triestinity points: as we are cocolones, we give a point to Babbo Natale, cussì, per cambiar, gnanche pel cool.
San Nicolò 3 – Babbo Natale 1



Fig. Ame. The 1958 locandin of the Babbo Natale route tracking project.
Route
Babbo Natale:
there are many military programs that have tracked the route of the slittin of Babbo Natale (per bon, no ciogo pel cool: NORAD, 1955), from Polo Nord to all the world (Fig. Ame).
San Nicolò: as all respectable triestins, during work San Nicolò is invisible to the radars.
Triestinity points: we would give the point to San nicolò, but he is mo­mentaneament invisible to our radars.
San Nicolò 3 – Babbo Natale 2
Efficiency
Babbo Natale:
 trascuranding some zones of the world and some mocoloses, he brings regals to about 100 million houses in about 31 hours, helped by the fuso orario traveling from east to west. So he has 800 consegns for second and must fly at supersonic speed. With all the regals in the slitin, this will generate a great resistence that will soon incinerate the first pair of renns (Nonciclopedia, 2013). So, all the renns make always a great skagazz to stay behind.
San Nicolò: Triest is the city of the veciones. There’s not so much work to do.
Triestinity points: having a great efficiency is a bad syntom of acute furlanite. Maybe Babbo Natale is lanfur?
San Nicolò 4 – Babbo Natale 2
(Referee advisory: yes, we know. This point parts from the hypothesis that San Nicolò brings the regals in the city of Triest, thing that is not yet dimostrated. But gnanche pel cool, dei. Take a spritz).

Fig. Panocia. A typical regal from Babbo Natale.
Regals
Babbo Natale: in his house in Polo Nord, he works all the year to produce the regals with his aiutants elves (Fig. Panocia).
San Nicolò: he produces nothing, imboscated all the year in his tour of barettes. So, maybe he finally buys the regals last minute, probably from Orvisi (rip).
Triestinity points: working all the year is not compatible with a triestin behavior. Hardly working, panoce… mmm… bad suspects…
San Nicolò 5 – Babbo Natale 2

Regals to cative mocoloses

Babbo Natale: he regals to cative mocoloses carbon. But it’s a fint sweet carbon of zuccher.
San Nicolò: he regals to cative mocoloses pure ranzid carbon with the
controcarbones 100% Ferriera DOC, that he steals of sconton rubanding it from the sconted deposites of the stabiliment.
Triestinity points: unfortunately, Ferriera and Triest is an indissociable binome, tacated with the catrame ciò.
San Nicolò 6 – Babbo Natale 2
Contact call (che tecnico, ah?)
Babbo Natale: he emits the typical vocalization “Oh-oh-oh“, often imitated by some mocoloses, as reported by Povia.
San Nicolò: no one knows his contact call. Maybe : “ciò buta un spritz dei!”.
Triestinity points: dificilment the povianic call “Oh-oh-oh” can be related to the city of Triest. Much better if it was “Ou-ou-ou“, also imitated by affine spirits like Germano Mosconi in his famous vocalization “Ma che ou!“.
San Nicolò 7 – Babbo Natale 2
Canzonet call
Babbo Natale: there is not a famous canzonet correlated to Babbo Natale, or maybe there are trops and now they don’t come us inamente.
San Nicolò: San Nicolò de Bari / la festa dei scolari / se no i ghe fa la festa / ghe taierem la testa
Triestinity points: the canzonet of San Nicolò is chiarament an hymn to fancazzism.
San Nicolò 8 – Babbo Natale 2
The Santa Claus enigma
Santa Claus is the mulon that brings the nadaliz regals in many parts of the world.
Some says he is exactly Babbo Natale, but some says that he is the forest version of San Nicolò. So there is the solit great scagaz of hypothesis.
We have a third version: Santa Claus, in reality, is the sconted name of Edi Kraus, the assessor of “Sviluppo attività economiche” of Triest. So, this tradiction of buying a lot of regals for Nadal is only a sgaious plan of the administration to sell more and to rilanc the economy, ciò.
Triestinity points: they both loses.
San Nicolò 8 – Babbo Natale 2 – Santa Kraus 1
Discussion
The results confirm incontrovertibly that San Nicolò is the man who brings the regals to the triestin mocoloses, pochi longhee, 8-2, ciap and take home. The very interesting thing is that there are a lot of suspicious indizs that seems to demonstrate that Babbo Natale is lanfur, like the great efficiency, the hardly working all year and the mania of regaling panoces. If God is not furlan, maybe Babbo Natale is. We think that probably Babbo Natale is the lanfur helper of San Nicolò, that makes the great part of the job, while San Nicolò works (hahaha, works!) only in Triest.
However, we steal a secret from both. This year the regals more boba will be the booksPolska… rivemo! and Zinque bici, do veci e una galina con do teste, that are in all the bober libraries of Triest. And the Monon Behaviors, obvious.
No, this is not a occult reclam. It is written in grasset. If it was occult, it would have been written in picio e sconto to cazarvela ;)
Conclusion
San Nicolò is the one who brings the regals in Triest. Babbo Natale in the rest of the world. Further studies must be fully finanziated to understand if Babbo Natale is lanfur or not. So we need a lot of money. And a spritz for San nicolò, thanks.
P.s. Yes. There will be a Monon behavior 4 in 2014.
Acknowledgements
We thanks all the mulones that will sustain the Monon Behavior Reseach Department this Christmas with our books. Thank, we love you :)
But also the others dei, we love you uguale.
We thanks the Befana if she will not ciaparsela that we have called her “old maranteega”. Dei, te son bela e cocola, portine qualcossa!
To the third King Magio: “BIRRA!!! BIRRA!!! NOT MIRRA!!! DEI!”
And Chiara Gelmini for her lovely pupols. Babbo Natale is so cocol that for a moment we wanted him to win ;)
References
Lutazzi L. 1968. El can de Trieste. Fiaschi de vin records.
Manna D. 2009. Miramare-Opicina: a preliminary study on the best bicycle way. Monon behavior Vol. 69 No. 90: 9-12. Bianca&Volta edizioni.
Manna D. 2010. Is God a lanfur or not? A mystic research. Tre volte Monon Behavior: 17-22. Bianca&Volta edizioni.
Nonciclopedia. 2013. Dimostrazione dell’inesistenza di Babbo Natale.
NORAD (North American Aerospace Defense Command). 1955. NORAD Tracks Santa.
Mosconi G. 1991. Ah non lo so io. Gaetano & Quel mona che bate la porta editori.
Povia. 2000eciapilo. Quando i bambini fanno Oh. Vorrei esser becco. Ah no, iera diverso el titolo. Bon no me ricordo


giovedì 4 dicembre 2014

Care segnalazioni: l'albero di Natale tipicamente friulano

Eccola.
LA segnalazion sul'albero de Nadal.
MI-TI-CA.
Grazie a Ettore Calandra per la segnalazion dela segnalazion :D


Manlio Cociancich Sindaco subito!


martedì 2 dicembre 2014

Care segnalazioni: il degrado delle 21

"La gente che abita e vive tra via Torino e via Diaz è DISPERATA."
"Musica a palla che questi pseudo gestori hanno nei nostri confronti" Le segnalazioni xe sempre qualcossa de mitico.



Care segnalazioni, la rubrica con le segnalazioni più cool di Trieste.



lunedì 1 dicembre 2014

Trieste città friulana: le quindici regole

Ciò. Sembra proprio che Udine abbia appena superato Trieste nella classifica della qualità della vita.
Longhi e pupoli.

Ma sarà veramente così? Proviamo a immaginare una Trieste sotto il dominio lanfur.
Come cambierebbe la nostra vita? Quali sarebbe il quindicicalogo impostoci dai friulani?

Questo:

  1. Da oggi la lingua ufficiale della città è il marilenghe e sarà insegnata in tutte le scuole, asili nidi compresi. I cagainbraghe che pretenderanno un cambio di pannolino dovranno imparare da subito a chiedere par plasê
  2. Obbligatori anche corsi di dizione per eliminare quel'acentaz tremendo che gavè. 
  3. “Ailo”, “Ulo”, “Ecolo”, “Ecoci” saranno sostituiti inderogabilmente da “Mandi”. 
  4. No se pol dir “No se pol”. Al suo posto subentra “Cumbinin”. 
  5. Fuorilegge anche monadis come “Volentieri”, “No tegnimo”, “No i fa più”, “Gavevimo ma no andava”, “Podessi ordinar ma no savessi se rivassi”, “Saria de dar un cuc in magazin, ma no posso desso” e “La provi in Friul”. 
  6. Gli intercalari “Ciò” e “Dei” andranno sostituiti da un bel bestemmion
  7. Restando in tema: basta con sta bora in scatola. Il nuovo souvenir della città sarà ”Bestemis in scatolutis”. Aprendola, al posto di venir spettinati da un refolo di bora, si sarà travolti dalla voce di Germano Mosconi, cittadino friulano emerito. 
  8. Dio xe furlan, fatevene una ragione. E paga sia oggi che domani. E anche ieri. Egli riceverà inoltre il marchio di “Tipicamente Friulano”, con somma celebrazione nella Cattedrale di San Just. 
  9. Il Tokaji ungherese è satana. Chi sarà sorpreso in suo possesso sarà giustiziato tramite coma etilico irreversibile di Tavernello. 
  10. Tutte le galline con due teste trovate a scorazzare libere, o peggio ancora a svolazzare sopra i coppi di Triest, saranno decapitate di una delle due teste, riportandole così a una forma più in linea con la sacra bandiera del Friul. 
  11. La squadra della Triestina Calcio verrà fatta fallire e che vada a remengo. Ah, ma a questo ci avevate già pensato da soli, bravi. La squadra del vostro cuore da oggi sarà l'Udinese. Tutti i cittadini dovranno recarsi in pellegrinaggio obbligatorio ogni domenica allo stadio al grido di Ale' Udin, vestiti da Zico col cappello di alpino. 
  12. Mikeze e Jakeze saranno sostituiti da Florean e Venturin. 
  13. Il pontone ruzzine Ursus diventerà un ripetitore di Radio Onde Furlane
  14. Basta con le case di riposo, è finita la pacchia per la quale tutti in questa città no vedi l'ora de diventar veci. Verrano trasformate da subito in case di lavoro
  15. Il principe dei simboli del cazzeggio triestino, el tran de Opcina, sarà obbligato a funzionare 366 giorni l'anno senza romper i coioni. 
Il quindicicalogo è tratto dalla maldobria della Trieste furlana de Polska... rivemo! 
Un 'ssai bel libro nonchè ebook ;)
Prossimamente: il quindicicalogo de Udine triestina.


lunedì 24 novembre 2014

Le cinque fasi del sindaco di Trieste

Ispirati dal noto ricercatore Italo Cerne, ci siamo dedicati allo studio della figura mitologica del Sindaco di Trieste. Non Cosolini, ma proprio il sindaco in generale insomma, quela roba che ogni 5 anni ghe toca a qualchidun (che però el se la ga zercada!). Ecco i risultati:

In primis, risulta evidente che il Sindaco di Trieste deve per forza di cose chiamarsi Roberto.

In secondis, terzis e quartis, il Sindaco di Trieste dovrà, nell'arco della sua carriera, passare per forza attraverso queste cinque fasi:

1. Fase "chi xe sto mato"
E' la fase della pre-campagna elettorale, quando ancora non si sa chi sarà il candidato a Sindaco delle varie forze politiche in gioco. Solitamente questa fase è accompagnata in città da commenti quali "Xe un pezo del'altro", "Ma cossa, quel? te prego dei", "Mai sentì, no ghe la pol far dei" e da manifesti criptici inneggianti arcani simbolismi numerici.





2. Fase "speremo ben"
Inizia con la candidatura ufficiale e la campagna elettorale. In questa fase il futuro Sindaco di Trieste è l'amico di tutti, benvoluto un po' ovunque, sulla base dei noti principi popolarnazionali "Dei che magari con sto qua xe la volta bona che le robe cambia" o "Dei che pezo de sto povero mona che gavemo desso (vedi fase 4) no el poderà far".

3. Fase "el mio Sindaco"
Il giorno della vittoria il Sindaco di Trieste è il Sindaco di tutti. Di chi lo acclama, perché sta festeggiando la vittoria, e degli altri, perché al rebechin se magna e se bevi comunque agratis.

4. Fase "povero mona"
Inizia il giorno dopo la proclamazione a Sindaco di Trieste e dura fino a fine mandato. In questa fase, il Sindaco di Trieste diventa la capra espiatrice di tutti i mali della città. Perchè? "Perchè xe za passai do giorni e ancora no el ga fato un klinz!".
Speranze di redenzione dalla fase 4? No, perché se mai ci fossero cose positive, sarebbero sicuramente merito dell'ex sindaco, passato ormai alla fase 5.

5. Fase "se stava meo co se stava pezo"
Arriva dopo la fine del mandato, quando viene eletto un nuovo Sindaco di Trieste che per forza di cose entrerà nella sua fase "povero mona", in questo modo risollevando le sorti del nostro ormai ex Sindaco, che uscirà vittorioso dalla fase 4, conquistando meriti betolistici quali "Par incredibile ma sto novo che gavemo desso el ne fa adiritura rimpianger quel altro ciò" o "Ghe ne gavemo dite de tuti i colori, però ala fine co iera quel altro se stava meo, poco de far".

Detto questo, risulta evidente da questa ricerca che il Sindaco di Trieste, per rimanere nella fase 3, la migliore, altro non deve fare che butar rebechini a nastro e po bon. Daghe dei!


lunedì 10 novembre 2014

La leonessa e la palestra

Seconda puntata della rubrica "Psicologia umana applicata alle bestiuzze", serie che ha come fine ultimo dimostrare scientificamente che l'omo xe mona. 
Ecco la storia della leonessa e della palestra.

La leonessa si svegliò, come ogni giorno.
Uscì di casa, con l'intento di puntare la solita gazzella più sbonfa della clapa. Una dura mattinata di caccia, per portare a casa da mangiare per tutti.
Sulla strada, incrociò un'altra leonessa. Questa si stupì nel vederla ancora andare a caccia.

"Ma dai", le disse, "pensavo che ormai tutte andassero a comprarsi le gazzelle già disossate alla botega magnativa degli ippopotami. Mi vuoi dire che tu cacci ancora? Fai tutta quella fatica, quelle corse?"
"Certo", rispose la leonessa, "non avrei come pagare una gazzella già cacciata e disossata, in fondo è ciò per cui siamo nate, lo facciamo da sempre".
"Ah, ma come sei retrò", apostrofò l'altra. "Io mi sto recando giusto ora al mio lavoro. Spello banane agli scimpanzè, in modo che non debbano faticare a farlo loro. Seduta, tranquilla, tutto il giorno. Niente più fatica. Con quello che guadagno, poi, la sera mi compro la mia bella gazzella già disossata dagli ippopotami e così porto a casa da mangiare per tutti. Senza fare tutte le corse che fai tu e con anche qualche soldo che mi avanza."
"E cosa fai con i soldi che ti avanzano?", chiese la leonessa, curiosa.
"Ah, sai, da quando faccio questa vita sedentaria ho messo su un po' di culone e di gambazze. E quindi, nel tempo libero che mi rimane, posso pagarmi la palestra dei fenicotteri, e guarda che silhouette invidiabile che sfoggio!"
"La palestra dei fenicotteri? Ma è lontana! Devi camminare tantissimo per arrivarci!"
"Camminare? Ma scherzi? Posso permettermi anche di prendere il giraffabus senza problemi! Se voglio camminare poi vado sul tapiro-roulant, non sono mica scema!"

La leonessa proseguì sui suoi passi. Arrivò alla pozza d'acqua e si specchiò. E vide che la sua silhouette non aveva nulla da invidiare all'altra, anzi, era ben più prestante.
Si nascose tra l'erba, paziente.
Attese l'arrivo delle gazzelle.
Tese l'agguato, le rincorse, consumando le stesse calorie che l'altra leonessa avrebbe consumato la sera, in palestra.
Catturò la gazzella più sbonfa, la portò a casa, la disossò, e se la mangiò assieme alla sua famiglia.
Nel tempo libero che le rimase, mentre l'altra leonessa era impegnata nello zumba rassodante delle zebre, lei si godette lo spettacolo comico delle iene ridens, che da sempre intrattenevano tutta la savana in cambio degli avanzi dei loro pasti. Leoni, ghepardi, gazzelle, simiete, tutti assieme attorno al fuoco, in compagnia, nell'attesa di svegliarsi e affrontare il nuovo giorno.

Morale: a volte, sovrappensiero, rischiamo di affogare nel turbine delle necessità acquisite, forse perdendo di vista le cose di cui abbiamo veramente bisogno.



sabato 25 ottobre 2014

Bora, istruzioni per l'uso

La Bora a Trieste, ecco le istruzioni international per l'uso. La versione originale no la trovemo più, la gaveva postada la Barcolana. Al Monon Behavior Research Department era stato affidato il duro compito di tradurla.
Ecco le instruction ciò!

Pupolo de Erika Ronchin
Bora: instructions for tourists and forestis 

1. If windows are scassanding themselves, it’s Bora (windows vista no val: it’s always scassated)

2. If the copps of the roofs are scassanding themselves, it’s a lot of Bora
2a. if you are in Bisiacary, a lot of Bora is Boronononona

3. If the walls have the tremaz, no: it’s a teremot

4. If you’re going out, your jumbot will not bastar

5. If you’re staying home like a pantofoler, your morepussies (piumone) will bastar

6. If it’s raining, it’s caro cogoi. Your ombrela will turn at the first refol and it will be impossible to indrizz and serar it. So you will infilate it in the first scovazon, obviously after having run behind it (the scovazon).

7. If they sold you an ombrela saying it’s anti-bora, don’t have them pel cool: they are only trying to inzinganate tourists.

8. If it isn’t raining and it’s Dark Bora (Darth Vader’s dark side of the Bora), probably it will rain. And the ombrela will go to remeng

9. If you’re a baba, don’t use tacks: up the Bora suffs more

10. If you’re mulon, don’t use the tacks (even when there’s no Bora)

11. If you’re going to Big Square (now called Unity Square), walk by the Prefetur side. The Lloyd side is for real bobe and sailors.

12. If you need to park the car, do it against Bora direction. You didn’t do it? Bravo mona. Now repair the door of the car arente yours and cazz 800 euri. If your car has 5 doors, you haven’t bugnated the car arente and the bora refol has opened decagars your front door, you bugnated also the back one. Cazz again 800 euri.

13. If you parked against Bora direction probably you will not be able to open the door, but it’s better to be incugnated in your car than cazzar 800 euri, no? Ecolo.

14. If you see a bagolant scovazzon, don’t gaver it pel cool, today is its nagana day

15. If you leave somthing out in a pergol, you’re out like a pergol. Go and find it in South West direction, probably near Stramonazz

16. If you see a camera with a operator filming, don’t pass in front of him: for experience they stay where there are refols at tradiment, and you could see yourself barcolling without molling on the seral TG1.

17. Ou, don’t go to the Saint Karl Dock (now Bold Dock).
Ou fenomeno! I’ve said: don’t go to the Saint Karl Dock (now Bold Dock)

18. The names of some Triest street are strictly related to the Bora: what are you doing today in via Windmill if you are not Don Chisciotte? And don’t say monate dei, you’re not Don Chisciotte.

19. Bagoling against Bora is an art that you learn when you are a young mocoloso. Or at least a cagainbraghe. If you have not yet imparated, caro cogoi.

20. Triestin people think that only the pampels guant themselves on the light pals.
 

Bon, e adesso non vi resta che andare a comprare l'osmiza sul mare e regalarlo a tutti!
Se no un refolo de bora ve porterà in malora! ;)

L'Osmiza sul mare lo trovate in tutte le librerie di Trieste e Bisiacaria a 10 euri.
Oppure comodamente online a questo link.
O anche in formato ebook.



FOLLOW THE WHITE COCAL!

lunedì 20 ottobre 2014

L'uso del quel nel dialeto triestin

Ogi el nostro Monon Behavior Filologic Department ga deciso de aprofondir un poco el discorso sul'uso del quel, che za tempo fa, sul primo Monon Behavior, iera stado ben definido cussì:

Quelling: words substituted with “quel”.

Desso, dopo oculade osservazioni sul campo, gavemo capì che el quelling no pol esser semplificà in sta magnera, ma va ben definì e classificà, per no far casin. Se no dopo vien fora che tuto xe un quel, quando invece quel podessi no esser un quel qualsiasi.


Eco dunque i diversi gradi del Quel:

Quel di primo livello: sostituisce cose. Tipo, per esempio, "passime el quel", che pol esser un cuciar o un ciapin, per dir.

Quel di secondo livello: declinabile, per darghe più specificità. Quindi se parlerà de "quela", "quei", "queialtri", "controquei". Sostituisce cose, esattamente come il quel di primo livello.

Quel di terzo livello: sostituisce verbi. Oviamente xe declinabile. Tipo, per esempio, "ogi go voia de quelar un pomo", "ierimo là che quelavimo la rioda sbusada...", "quelime el quel per piacer".

Quel di quarto livello: sostituisce nomi di persona. Tipo "ierimo mi, Toio, Quel, Gianni".

Tuti i triestini, oviamente, capissi subito la parola nascosta drio un quel. Però esisti ancora un livel, l'ultimo, quel che solo i veri pol comprender e aprezar fin in fondo. Quel che xe l'emblema del'animo scazà del triestin. Lui:

Quel di quinto livello Super Sayan: sostituisce intere frasi. Per bon. Giuro, Tipo, per esempio, "Ciò insoma ierimo in ferie, alora semo partidi, semo rivai a Rovigno e là solito... te magni... te ciapi sol... e quel, e dopo do setimane semo tornai indrio.". Fazemo notar che questo Quel, che solo el vero triestin pol comprender in tuta la sua potenza, riassumi due setimane de vacanze a Rovigno in una parola sola.
Top.

E voi dirè:
Sì, ma invece de scriver tuta sta papardela, no bastava riassumerla con un bel "Quel"?
Gavè ragion. Bravi. Gavè apena ragiunto el Quinto Livello Super Sayan de consapevolezza del Quel.
Respect.

Partecipa anche tu al crowdfunding per FRICO

venerdì 17 ottobre 2014

X factor: il pensiero di Morgan sugli Spritz for five

X Factor, Home visit. Ecco il vero pensiero di Morgan sugli Spritz For Five.
La mimica e la gestualità di Morgan non lasciano dubbi.


Partecipa anche tu al crowdfunding per FRICO

martedì 7 ottobre 2014

Care segnalazioni: Trieste satanista

Segnalazione sulla Trieste occulta, tema caro anche alla sempre mitica Franca C. Porfirio, che aveva portato alla ribalta il tema del Castello di Boranera.

Care segnalazioni, la rubrica con le segnalazioni più cool di Trieste.

Partecipa anche tu al crowdfunding per FRICO

domenica 28 settembre 2014

Care segnalazioni: i compiti

 E anche oggi le segnalazioni del Piccolo ne regala una perla. De solito se parla de scovazoni spostai de qualche metro, de deiezioni canine, de degrado de Grado, de se stava meo co se stava pezo.
Finalmente ogi un problema che riguarda i giovani, ostregheta!
Tra l'altro ottimo l'uso del doppio "volentieri" ;)




Care segnalazioni, la rubrica con le segnalazioni più cool di Trieste.

venerdì 26 settembre 2014

Care segnalazioni: Trieste città dele nagane

Dopo la leggendaria segnalazione di Franca C. Porfirio, che definiva Trieste come una suburbia dionisiaca, ecco la spiegazione storica del perchè Trieste non avrà mail il rigore asburgico, ma sarà per sempre una città de bobe, marzi, nagane, strafanic e marantighe.


Care segnalazioni, la rubrica con le segnalazioni più cool di Trieste.

mercoledì 24 settembre 2014

Veci a Trieste: la bissa soto el cuor

Vecia in via Mazzini, età stimata 84. 

- Ara che mi son de Servola sa! Miga monade. Dopo go dovesto andar a Fogliano perchè mio marì gaveva trovà mestier là e ciò... volevo morir.
- Orca, adiritura!
- Sì, sì, per fortuna sia a lui che a mio fio ghe gaveva ciapà alergia ai ulivi, ciapa! Ben petada.
- Quindi sè tornai tuti a Servola.
- Esato, tuti, mi, mio marì, mio fio, can, gato e usel. Che se i me manda in canon l'Enpa me ga dito che go de portarli con mi, se no xe abandono de animale.
- Ah no savevo sta qua ciò...
- Eh, co i ga de magnarte bori tute i se le inventa. Ara, desso me xe rivai i 80 euri de Renzi, ma i me ga za dito che co fazo el 730 i me li porta via.
- Eh za, xe cussì, de qualche parte i dà e de altre i ciol...
- Ah no sa, a mi no i me la peta! Mi so che ghe xe una lege che quel che i te dà no i pol cior.
- Sì, sì, la conosso, la disi "chi che dà, chi che ciol, ga la bissa soto el cuor"
- Ah ah, propio quela! Bon ciau stela, stame ben!

Eco. La vardo andar via e penso ala biologia dela bissa. Ciò, quante bisse bagola in Italia desso? E che bale, no se riva sterilizarle un pochetin?


lunedì 15 settembre 2014

El Pedocin, ciacole dal lato babe

Aprile, parcheggio davanti al Pedocin, una turista ferma una signora all’uscita, una tipica bagnante over 70, che presenta già un colorito tra il bronzo e la carbonella.

Turista: mi scusi, è questo il famoso stabilimento Lanterna?
Anziana: si si questo, ma lo ciamemo Pedocin
Turista: ah capisco, l’ho letto su una guida, come particolarità di Trieste
Anziana: ma lei la xè foresta? Se vuole le spiego come funzia
Turista: si grazie mi piacerebbe. C’è un biglietto? si entra divisi uomini e donne subito?
Anziana: allora lei la entra, paga il biglietto, poi lo deve fraccare in te la macchinetta che lo timbra. E va dalla parte delle donete.
Turista: ci sono sdraio? è attrezzato?
Anziana: no, le consiglio di portarsi una roba morbida da mettere sotto perché se no i saseti ghe rovina il cul
Turista: ma è un bagno naturista?
Anziana: no, non ci sono sai piante e no xè alberi
Turista: intendevo se è un bagno naturista, cioè se si fa nudo integrale
Anziana: orca no dei. Siamo in tante in topless, ma teniamo sempre coperta la parussola!

Questo uno dei pezzi di El Pedocin, libro di Micol Brusaferro a cui abbiamo dato una mano, perchè merita 'ssai.
C'è poi la sezione tettometro, abbigliamentometro, ciabattometro, gli sport, i tatuaggi e tanto altro ancora... insomma grasso el dindio!

Il libro si trova su amazon in formato ebook e costa 2,99 euri, scaricabile strucando il botone del mouse a questo link.

La roba boba del libro xe che finalmente anche i mas'ci poderà capir e farse un'idea dela situazion che xe drio quel muro.
Robe che nissun volerà più scavalcarlo, altrochè! :D

domenica 31 agosto 2014

Veci a Trieste: l'elisir di lunga vita

Vecia in via genova, età stimata 82.

- Mia fia ga messo l'auto in seconda fila che no posso caminar tanto. Alora ghe gavemo domandà ai vigili se i ne dà la multa o no.
- E cossa i ghe ga dito?
- I ga dito che dipendi del vigile che trovemo.
- Ah beh sì, su ste robe se pol anche serar un ocio in fondo...
- Eh no, no va miga ben. O xe una lege, o no la xe.
- Eh ma la sa, qualche lege xe fata cussì, xe elastica...
- Sì ma no va ben. Mi son nata soto l'Austria, se vedi subito che son de un'altra scola.
- Come soto l'Austria?
- 1917 po', Austria ierimo!
- La xe del 1917? Orca, complimenti ciò.
- Grazie cocolo. Cossa te vol, magnavimo genuino, no come quel che vedo magnar desso i fioi...
- Eh, imagino...
- Solo che robe de casa po', che te savevi de dove che le vegniva...
- Ma de dove la xe esatamente?
- Roian son nata! Son nata che gavevo 1 chilo e un quarto. E son vegnuda su senza incubatrici, senza monade. Late de mia mama po', figurite che tetone che la gaveva.
- Posso provar a imaginar, sì, tettone (con due t, fa più massa).
- E cussì son vegnuda comunque su ben. E gnente, cussì el primo anno de vita in pratica go dormì.
- Come dormì?
- E coss'te vol che fazi una creatura de 1 chilo e un quarto? Dormi po'.
- Me par giusto.
- E dopo i me dava i ovi de casa, ogni giorno, diretamente dele galine.
- Ah sì anche mia nona me sbateva un oveto ogni matina me ricordo...
- Sì, sì, quei bei ovi de casa. E mi no xe che magnavo un solo. Un ciolevo, magnavo, dopo fazevo finta che se gavessi roto e ghe domandavo un altro. Cussì tre ovi magnavo. E no go mai gavù colesterolo o trigliceridi sa! Dio, go qualche altra magagna, ma coss'te vol, a 97 anni va ben cussì!
- Sì, sì, metessi la firma.
- E insoma sti oveti ne li portava ogni giorno una siora de Basoviza, ovi boni, de casa, del Carso.
- Boni boni quei. Bon dei se trova ancora in osmiza i ovi boni de casa del Carso.
- Ah sì eco bravo, osmiza. Bon cocolo, adesso andarò.
- Arivederla, grazie dela compagnia!
- Ciau bel, alora se vedemo fra un zinque anni dei.

E la vardo andar via.
E penso che la ga 97 anni e la xe lucidissima, e chissà quante che ghe ne ga passade.
E alora ripenso a cossa go imparà ogi, a quale in pratica xe l'elisir de lunga vita triestina che me ga sugerì la siora.
Rielaboro el dialogo, filtro le parole chiave, salvo quel che servi.
Eco. La riceta de lunga vita xe:

Tettone (rigorosamente quele con due t), dormir e osmiza.

No se finissi mai de imparar.

(P.s. Va ben, va ben, a onor del vero no la ga dito "tettone". Disemo che iera sotinteso. O forsi go imaginà mi. Tuto el resto xe vero però, anche e sopratuto el "se vedemo tra un zinque anni". Super veceta.)


martedì 26 agosto 2014

Veci a Trieste: sfide al semaforo

Agosto 2014. Vecia in bici, sui 80 anni, semaforo rosso, ferma.

Rivo anche mi, sula mia bici Arlandria, me fermo al suo fianco.  
Sguardo de intesa.
Xe bel andar in bici per Trieste. Anche i veci par aprezar, a quanto par se pol.
Se soridemo. Generazioni diverse ma stessi ideali.  
Nei sui oci azuri e sereni se legi tante storie de vita vissuda. Volessi che sto semaforo duri quanto basta per scoltarle e farle mie.
Ma so che diventerà verde tra poco. E so che son più veloce, e se parti prima ela dopo doverò passarla, e in ste strade strente e carighe de auti sarà dura.
Lo sguardo de intesa diventa sguardo de sfida. Rombo virtuale de motori.
I auti diventa spetatori, semo davanti, nissun pol fermar la nostra singolar tenzone.
Pronti.  
Scata el verde.
Coi oci puntai sul'asfalto, fazo partir l'onda energetica che inonda el pedal destro, Arlandria rispondi, partimo con leggendario scatto felino.
Alzo i oci.
La vecia xe za zinque metri avanti.  
Maledete bici a pedalata assistita.

No xe più i veci de una volta.

martedì 12 agosto 2014

La leonessa e la gazzella diet

Prima puntata della nuova rubrica "Psicologia umana applicata alle bestiuzze", serie che ha come fine ultimo dimostrare scientificamente che l'omo xe mona. 
Ecco la storia della leonessa e della gazzella diet.  

La leonessa si svegliò, come ogni giorno.
Accese la televisione per tenersi aggiornata sulle news dalla savana. Situazione delle pozze d'acqua, colori alla moda nel 2014 per le zebre, la giraffa nel guinnes dei primati per il collo più lungo, la segnalazione degli scimpanzè che se il guiness è veramente dei primati allora la giraffa non c'entra un zocca, solite robe insomma.
Finchè non cominciò la pubblicità. Lima-unghie elettrici, spuzze flit per marcare il territorio in maniera più efficace, arriccia criniere per maschi fashion-latacu. Solite robe insomma.
Finchè non arrivò l'ultimo spot: un primo piano di una gazzella anoressica rincorsa da una leonessa dalla silhouette invidiabile. "Dalla ricerca CopaSavana, Gazzelle BioDietZero, da oggi con ancora meno calorie!", questo l'accattivante claim.  
La leonessa spense il televisore, esclamò un "macheccazzo! La psicologia umana me magni una fetta de cul!", e assieme alle compagne tese un agguato a un branco di gazzelle, puntando la più sbonfa.  

Morale: vero progresso sarà quando i tic-tac gaverà 1000 calorie, non 2. Ostregheta!


lunedì 11 agosto 2014

Le dieci trasgressioni must della movida triestina

Finalmente xe rivada l'estate.
Per via che finalmente xe caldo e xe rivà el sol? No, quele xe monade.
L'estate a Trieste riva co finalmente se torna a parlar de ela.
De quela.
Quela quala?
La temibile Movida Triestina™
Per il questore, ormai la xe FUORI CONTROLLO®.

I ricercatori del Monon Behavior Research Department no podeva esimerse dal far una ricerca sul campo per schedar le dieci peggiori trasgressioni dela muleria degradatamente degradante che bagola per le pericolose zone dela Movida Triestina™. I iera in dieci, purtropo a causa dela Movida Triestina™ FUORI CONTROLLO® xe morti tuti e xe tornà solo un, che ga rivà a lassarne l'elenco prima de morir anche lui per le ferite riportate.

Ecco le dieci trasgressioni must della Movida Triestina™
  1. Sconderse int'el zaineto una boza de bira portada de casa per no spender int'ei locai, gesto che mostra sprezzo per el normale sistema consumistico capitalistico o pericolosa istrianità sovversiva.

 2. Impinir i scovazoni fin l'orlo, e se no xe più spazio lassar là vicin le boze, ma fora del scovazon, causando apositamente degrado. Testimoni oculari disi che i ga visto muli spetar apositamente che i scovazoni sia pieni per poder pozar la boza fora.
La foto de Bruni che testimonia la pericolosa usanza de impinir i scovazoni de scovaze.
In sto caso i muloni se iera portai un sacheto pien de Lasko svode e i ga spetà che el scovazon fussi pien per poderlo tacar sul scovazon impunemente. Maledeti ciò.
.



  3. Star sentai sul marciapie a ciacolar bevendo birete o altre bevande dissidenti. E no solo su un, su tanti marciapie! Ciaro gesto de derision verso chi se limita a caminar nela sua banalità borghese.

  4. Parchegiar sule rive ala cdc con sommo sprezzo dell'ordine costituito del paese ordinato che ierimo.

  5. Pastrociar su muri e in giro, lanciando ambigui e criptici messaggi di finto collaborazionismo anti Movida Triestina™.

Grazie a Andrea Tinis per la foto

  6. Pissar dal Molo Audace. Ma no come che fazeva i nonni, che pissava del Molo San Carlo. Quele sì che iera minzioni d'onore. Quei iera altri tempi. Desso i lo fa propio con quel'anda arogante tipica dela movida. E anche el nome "audace" fa più aroganza.

  7. Portar strumenti sul Molo Audace per far casin. I gaveva incomincià anni fa cole chitare. Dopo xe rivadi i tamburi bum bum bum e i bonghi bam bam bam. E desso, nela Movida Triestina™ ormai FUORI CONTROLLO®, semo rivai a portar pianiforti. Tuto solo che per far ancora più casin e degrado.

No bastava chitare e bonghi, desso anche pianiforti.
  8. Magnar el parsuto senza mastigarlo. Sì, anche questo i fa. I xe stadi visti, fora de Marino. Come gesto de ribelion nei confronti dele none che ghe diseva che i muleti mori se no mastiga el parsuto per via che el ghe va per tresso.
Oviamente dopo i xe morti, le none ga sempre ragion. E i cadaveri ga aumentà el fator de degrado.

  9. Cucar el lato babe del Pedocin del mar, oltre el muro. Trasgression a sfondo sessuale anche gavemo, la temibile Movida Triestina™ no se fa mancar niente.

  10. Ultima, la più pezo de tute perchè subdolamente avalada dal Comun, che dovessi invece combater questo degrado: ocupar la ex pescheria, logo dove un tempo se lavorava sul serio, con eventi-inni al fancazzismo. Mostre de magnar, mostre de bever, dove i movidari apunto magna e bevi e perdi el contato col sano mondo del lavoro. E desso là cossa ghe xe? El Salotto Vienna. Salotto! Salotto! "Salotto" Vienna. No "cucina", dove che se lavora e se cusina. No "studio", dove che se lavora e se studia. No "sala riunioni", dove che se progeta lavori. No, proprio "salotto", la parte dela casa dove che no se fa mai un cazzo! Solito po'.

Visti questi dieci punti, xe evidente che Trieste sta diventando veramente una città dove la gente ga paura a girar de sera e anche de matina.
La foto de Andrea Rodriguez ben evidenzia la pericolosità dela situazion. Semo cagai.


venerdì 1 agosto 2014

Olimpiade dele clanfe, la diretta

L'Olimpiade dele Clanfe in diretta mondiale, universale, paralelluniversalitstica in streaming, ciò. Eccola, grazie al bel lavor del mulo Antonio Giacomin de Fluido Tv e de Cisar Synapse El tuto dovessi tacar per le 13, l'inizio del'Olimpiade xe previsto ale 14.
Se per caso qua no funzia, provè sul sito del Piccolo o su quel de Spiz.



Broadcast live streaming video on Ustream


http://www.amazon.it/s?_encoding=UTF8&field-author=Diego%20Manna&search-alias=digital-text

giovedì 31 luglio 2014

Care segnalazioni: la Germania e el poco de quel che se ciama

O che bel. Inizia ogi una rubrica dedicada ale più bele segnalazioni del Picolo.
Dal titolo: "Care Segnalazioni". In pratica, materiale cistà del giornal e titolo cistà dei Sardoni Barcolani Vivi. Cussì ne piasi.
Se parti dala vitoria mondiale dela Germania, meritada solo perchè tuti i muloni gaveva un poco de quel che se ciama.


Te sa sì. El titolista però podeva riassumer el tuto con un bel "Ghe volessi un poca de guera".
Seremo con un bel video dela sobria esultanza, con un poco de quel che se ciama, de Muller ;)



P.s. comunque, a onor del vero, anche a noi ne xe stai 'ssai sule bale i baloneri figheti de sto mondiale 2014, a partir del Brasil. Noi volemo robe tipo Higuita o simili, che i fazi simpatia!



domenica 27 luglio 2014

Università dele Nagane: specialistica in Nagana Mujesana

Foto ciulada ale Nagane Mujesane, che esisti per bon.
Ciaperemo tante per gaverghela ciulada.
Xe tuta colpa de Cristian!
Grazie all'esimio Dott. Prof. Cristian Trani, ecco che l'Università delle Nagane apre anche il corso di specializzazione post-laurea in Nagana Mujesana, che basa il suo piano di studi sull'estensione di concetti già presenti nel corso di armonizzazione cocleare del rutto, ovvero:

Peto: teoria, pratica ed evoluzione

  • Teoria, calibrazione della deflagrazione del peto e relativo dosaggio dell'essenza (dott. Nasofin Trombadiculo)
  • Strategia nella scelta temporale dell'innesco del peto e relativa balistica (prof. Co-cago Kago & dott. Ho-cho De-soto)
  • Studio delle interazioni dell'essenza del peto nell'ecosistema casalingo, urbano, rurale e forestale (prof. Naravni Rit)
  • Impatto sul pubblico e primo soccorso (dott.ssa Mudhandha-de-lattah Frz) 
  • Dietologia e cinetica del meteorismo acuto e cronico (dott. Hummus Prdez) 
  • Diplomazia relazionale e mimetismo pre/post deflagrazione (prof. Parakuloo Maakerobah)
  • Logistica e archittettura nella scelta del luogo (prof.ssa Mira Colcul) 
  • Pratica della deflagrazione e percezione olfattiva - seminario pratico in situ (nelle betole mujesane) a cura dei spett.li sig.ri Ucio Guato, Caval de Latta, Mario Muss e Mario Caval, Marino Km, Pino Mazucola, Robi S'ciok, Fabio Trentaeun, Bagongo, Pandefighi e Falzeta 
  • Valutazione del rischio d'impatto e misure di mitigazione (dott. Skam-peh Pampel) 
  • Cenni di economia del peto per biogas e relativi incentivi comunitari (dott.ssa Piuchetelamissi Piulaspussa) 
Tutti i corsi sono da 2 crediti, mentre il seminario pratico è da 6 con presenza obligatoria, tenuto da emeriti docenti Scoresoni.

Il test d'ingresso richiederà la conoscenza a memoria, espressa però in linguaggio morse scoresando, dei nostri studi riguardanti la relazione tra intelligenza e scorese e la capacità di comunicare scorreggiando.

L'esame finale si terrà musicalmente, il candidato dovrà comporre e suonare una deliziosa aria.

http://www.amazon.it/s?_encoding=UTF8&field-author=Diego%20Manna&search-alias=digital-text