mercoledì 2 agosto 2017

La movida del consiglio comunale

Franca C. Porfirio festeggia il passo avanti nella lotta alla movida e propone un ulteriore riforma.
E cena alle 18 come in ospedal.



martedì 25 luglio 2017

I dieci motivi per partecipare all'Olimpiade dele Clanfe

Niente. Ancora tre giorni per iscriversi alla decima Olimpiade dele Clanfe. I partecipanti sono già a quota 140. E voi cosa aspettate?
Basta strucar su sto link!

Foto de Roby Blasina

E se vi mancano le motivazioni... eccole!
  1. Perchè te pol far la taconeti anche in età insospetabile
  2. Perchè te pol far una biancabalena e mostrarghe el cul a tuti
  3. Perchè de bon istrian te vol pagar meno l'ingresso al'Auso
  4. Perchè anche se no te schizi niente te pol sempre vinzer el premio morbin
  5. Perchè xe l'unica manifestazion dove la giuria xe corompibile a spritzeti
  6. Perchè per un giorno Trieste xe Città delle Clanfe
  7. Perchè te vol alenarte per clanfar un giorno dal'Ursus
  8. Perchè ghe xe per tuti el libreto omagio del decenale dele clanfe!
  9. Perchè i 30 vincitori ciapa el ciondolo figon fato del Laboratorio Orafo GhirigOro.
  10. Perchè partecipa anche i furlani. No te volerà miga lassarli vinzer???

giovedì 20 luglio 2017

Franca Porfirio all'Olimpiade delle clanfe?

Niente. Manca poco più di una settimana all'Olimpiade delle Clanfe. Per entrare nel giusto spirito, ci sembra giusto recuperare quest'ottima segnalazione di Nevia Jurincic, della clapa Franca Porfirio.

L'anno scorso alla fine non si sono presentate (Buuuuu!).
Quest'anno chissà, magari il bellissimo gioiello realizzato dal laboratorio orafo GhirigOro a Trieste, destinato a tutti i trenta premiati, farà gola anche a loro.
Perché con un ciondolo così al collo, il passo da vecia marantiga a vecia boba è breve ;)
Bon se volè iscriverve basta strucar a sto link, entro giovedì 27. Daghe!

mercoledì 19 luglio 2017

martedì 18 luglio 2017

Mi no capisso quei fa ferie via de Trieste

Perchè andar ale Hawai co te pol andar in Pineta che ghe xe anche el barachin?
Quanta verità nel'intervento de Chantal Slavich ciò! :D



lunedì 17 luglio 2017

L'epoca del "coito ergo sum"

Perla di Franca C. Porfirio su Segnalazioni, riguardo la notizia dei muloni sporcacioni che ga fato sporchezzi in publico ;)




venerdì 14 luglio 2017

Trieste città della scienza in osmiza

Bon niente ah, per festegiar che Trieste sarà cità dela scienza 2020, no ne resta che tirar fora sta maldobria de Ucio e Ciano che ne conta de quando iera vegnudi i sienziati a Trieste per presentar una scoperta rivoluzionaria.
Sta storiela xe una del quele del belissimo libro "Zinque bici, do veci e una galina con do teste". E dopo se volè podè leger anche quela del'origine del morbin, ciolta da Polska rivemo ;)


LA SCOPERTA MONDIALE DEI CORIACHI


Pupolo de Michele Zazzara


- Marinaresca i ga cantà ciò! Una fresca bavisela! Te se ricordi come che iera una volta, che bel che iera... una volta te verzevi le finestre e te sentivi la muleria cantar... e pensar che iera miseria. No come desso che i ga tuto e nissun canta più, e i xe boni solo che de star ziti e de fumar quele robe là, spinei, o de cior pirole, porcherie. E de far fraia ogni note. Fraia in zito però, visto che nissun canta più. Vardili, vardili anca qua, stasera, nissun che canta.
- Bon, ma desso no sta far el vecio brontolon dei. Xe ancora presto, cossa no te se ga inacorto che xe ogni sera qualche clapa che se porta drio la chitara e qualchidun anca la fisarmonica per cantar? Pitosto, mi sta storia dela Marinaresca a Budapest me fa vegnir inamente quela de co xe vignudi i Coriachi a Trieste, te se ricordi?
- Coriachi? E chi xe sti mati? De dove i salta fora? Mi conosso i Cosacchi, i Ustochi, el Mariachi, ma i Coriachi propio no li go mai intesi.
- Desso te digo de dove che i vegniva, e anca ti che no te ga fato scole te me dirà sicuro che te conossi.
- Sentimo alora, de dove i riva?
- Sti Coriachi qua rivava dela Kamčatka.
- La Kamčatka? Cossa, miga quela de quel zogo de guera là... el Risiko? Ma cossa, la esisti per bon?
- Cussì par, in Russia la xe, in alto a destra dela Russia.
- Ah, russi insoma. E cossa, i gaveva i capoti longhi che i strassinava sula neve fazendoghe paura a tuti?
- Ma no, quele xe storie de ani anorum fa, desso no i strassina più i capoti, po’ sti qua i iera sienziati, miga soldati dela prima guera!
- Aaah, go capì, gente che ga fato scole insoma.
- Sì, difati. Insoma, sti qua iera dei esperti de magnar de livel mondial.
- Cioè i magnava ‘ssai? E cossa i xe vegnui a far, gara de chi che magna più cevapcici?
- Ma speta, scoltime. Esperti de roba de magnar disevo, no de chi che magna de più. Alora, lori i ga dito che i gaveva fato una granda scoperta, che podeva risolver i problemi dela fame int’el mondo, diritura.
- Diritura!
- Sì, in pratica lori i lavorava per far in modo che co te magni qualcossa no te buti via gnente.
- Eh bon, me par giusto. Ma sicuro che i iera russi e no istriani alora?
- Ma no, no che no vadi butà in scovaze, ma più meo ancora. Co ti te magni qualcossa, ciol presempio un melon, che xe bon, no tuto quel che te ga magnà vien doprà del tuo corpo, ma un poco xe scovaze, e te le buti via co che te va in gabineto, co che te va a cagar, per dirla forbito. Eco, lori i ga inventà robe de magnar dove che tuto quel che te magni el servi, el vien doprà, no xe scovaze. Cussì no servi che te magni tanto, no? Basta che te magni de meno.
- Ostia, cussì se tuti magna un poco de meno el magnar basterà per tuti. Ciò, che sgai sti mati ara!
- No solo, lori i ga dito che in più te risparmi anca spazio, perché te ga meno robe de coltivar int’el orto po’. E anca tempo, perché te finissi prima de magnar. E dopo no te gaverà gnanca più de andar in gabineto.
- Mai in gabineto? Magnar senza più cagar? Orco tron! E dopo dove te legi el giornal de matina?
- Ostia tua, te pol anca legerlo intanto che te fa altro, po’. Bon, insoma, sta qua iera una de quele trovade che podeva cambiar la storia del mondo, e lori i xe vignui a presentarla propio qua a Trieste, al’Ictp.
- Iciticossa?
- Ictp, xe el zentro internazional de fisica teorica, quel che xe drio Miramar! Ciò ma propio gnente no te sa.
- E cossa c’entra la fisica col magnar?
- No so, no ga importanza, fato stà che i xe vignui qua. Una setimana i xe vignui, e l’ultimo giorno i doveva presentar davanti a tute le televisioni de tuti i stati de tuto el mondo sta scoperta, propio int’el Castel de Miramar, pensa che contento che saria sta’ Massimiliano.
- Eh, te sa sì, pase al’anima sua.
- Bon, ma desso te conto ben come che xe andà, che merita. Alora, co che se ga savù che sti ospiti cussì de riguardo vegniva a Trieste, tuta la cità ga tacà a bazilar per zercar de capir dove farli star, dove che se podeva ospitarli, perché i gaveva fato saver che no i voleva star in alberghi o robe simili, i voleva star in qualcossa de più domacio, de carateristico insoma. E cussì, per un do mesi boni, ognidun diseva la sua e proponeva dove ficarli, e che metemoli in castel de Miramar za che i ga de far anca la presentazion là, e che no no no no va ben, che ghe xe la maledizion de Miramar e che dopo i morissi tuti, e che alora restauremo l’Hotel Obelisco, e che cossa tuti quei schei spenderemo, e che alora metemoli là, qua, de quela o de quel’altra parte. Insoma tuto un remitur, iera ogni giorno un quatro segnalazioni sul bugiardel su sti Coriachi.
- Quatro proposte al giorno su dove conzarli?
- No, de solito su quatro segnalazioni una iera una proposta e le altre tre iera qualchidun che diseva che no se ga mai fato una roba simile a Trieste, che quindi xe ‘ssai difizile, che saria de bazilar, de spostar un fraco de robe, e che comunque forsi no gavessi ‘ssai scopo, e che ‘lora forsi xe meo no far gnente a sto punto, e che insoma se faria sempre tuto ‘ssai volentieri, ma propio no se pol.
- Eh sì, tante volte no se pol.
- Sì, ma sto giro se ga podesto. Stà bon che te conto. Insoma, ala fine de tuto se ga fato vanti tale Ondina Zaflaucic, una siora con una bela caseta suso in Carso, con giusto bastanza spazio per ospitarli tuti. Sta Ondina iera una sienziata in pension, de quele che studia i teramoti, e quela volta la stava in Carso col fio che iera drio studiar al’università, per diventar sienziato anca lui. Tira para mola, visto che la iera dona de sienza e che el posto iera ‘ssai ma ‘ssai bel, ala fine el sindaco ga deciso de mandarli a star de ela e po’ bon, anca perché cussì no el gaveva de bazilar lui.
- Suso in Carso? Bel, ghe gaverà piasso sicuro.
- Sì, i Coriachi iera ‘ssai entusiasti del posto. E la siora Zaflaucic iera una siora parona de casa: la ghe fazeva de magnar robe bonissime, jota, parsuto in crosta de pan, patate in tecia, gnochi de susini, gnochi de patate e altre robe domace. Po’ la li portava in giro tuto el giorno a visitar la cità, e pensa che la ghe ga diritura cusì de sua man dele intimele speciali, col pupolo dela Kamčatka! Insoma, la ghe ga fato far un figuron a tuta Trieste in quei giorni.
- Alora te vedi che ogni tanto se pol...
- Sì, difati. Comunque, dopo un par de giorni, za che la vedeva che de sera i mati se remenava un poco e no i gaveva cossa far, la siora Zaflaucic ghe ga dito al fio de portarli con lui al corso de canzoni popolari che’l frequentava, cussì, aciò che i vedi anca el lato musical dela cultura triestina. El fio oviamente no ga podù dirghe de no, e el se li ga menai drio. Quel che su mama però no saveva iera che ela lo gaveva, sì, iscrito a quel corso, ma lui no gaveva mai gavù voia de bazilarghe drio e ogni volta el cioleva la chitara, el ghe diseva che l’andava là e inveze l’andava coi amici in osmiza a bever, cantar e sbafar fin tardi.
- Ah, te ga capì, miga mona el mulo! E cossa el ga fato sto giro?
- Eh, coss’te vol che el gabi fato, el se li ga menai anca lori in osmiza po’, tanto, el ga pensà, i xe muloni de compagnia e cussì i conossi anca sta altra tradizion triestina.
- No el ga tuti i torti. E ghe ga piasso ai coriachi l’osmiza?
- Osteria se ghe ga piasso! I disi che xe stada una dele più bele osmizade che ancora i se ricorda a Contovel, là i iera. I ga magnà de tuto, porzina, parsuto, ombolo, ossocolo, speck, formaio, una quantità de ovi che no te digo...
- Insoma i iera de boca bona?
- De boca bona? Ancora nissun ga rivà a bater el record de quanto che i ga magnà. Po’ co i ga zercà el kren i xe andai fora coi copi, i lo magnava a cuciarade, cussì, de solo. No stemo parlar del bever po’. Bianco, nero, trapa, de novo bianco, de novo nero, altra trapa e vanti cussì. E intanto che i magnava i scoltava i muli che cantava, e se vedi che i gaveva propio la glava de sienziati, perché dopo gnanca un’oreta i conosseva za tute le canzoni e i le cantava anca lori. Co i xe tornai a casa i iera tuti impetessai al’otavo grado dela scala Kokal, e ancora ghe xe andada ben che i ga rivà a butarse in busta senza sveiar la siora Zaflaucic.
- Ostia, la ghe gavessi fato el cul come un simioto al fio!
- Te sa sì, povero putel. Inveze i ga rivà a sconder tuto ben pulito, anca el giorno drio co che i se ga dismissià, freschi come rose i iera. Se vedi che sti Coriachi xe abituai a darghe zo de vodka, sa come che xe là, no? Inveze el fio no xe andà fora de casa per do giorni de fila, per via dela piomba che el se gaveva ciapà, ma el se la ga sugada disendo che iera una bruta influenza in giro e che sicuro la gaveva ciapada anca lui.
- Eh sì, credighe...
- No ga importanza. Insoma, fra una roba e l’altra, xe rivà finalmente el giorno dela presentazion int’el castel de Miramar. Te dovevi veder che gheto che ghe iera, iera cussì tanti de lori che a fadiga te rivavi a moverte. Ghe iera sienziati rivai de tuto el mondo, giornalisti, televisioni, politici, diritura la regina Elisabeta e el presidente del’America in persona. E po’ ghe iera pien de aparechi che svolava int’el ziel per paura de atentati, e una zaia de navi che bagolava per tuto el golfo. El sindaco, se capissi, iera tuto emozionà che Trieste gavessi una parte cussì importante int’ela storia del mondo, e el studiava come disfrutar al meio sta vetrina, per darghe ancora più valor ala cità.
- Eh sì ah ciò, con tuto el mondo che varda Miramar, bela figura dovevimo far, per forza!
- Insoma, intanto che el sindaco iera ancora che el pensava a cossa che se podeva far, xe rivada là de lui la siora Ondina Zaflaucic.
- Ah, anca ela la iera? Me par giusto. E iera anca su fio?
- No, su fio iera ancora in leto mezo incanfarà. Alora, la siora Zaflaucic va là del sindaco e la ghe fa: “La scolti sior sindaco, mi me xe vignuda propio una bela idea. Un do giorni fa mio fio ga portà i Coriachi con lui al corso de canzoni popolari, e el me ga dito che i iera ‘ssai bravi, che ghe ga ‘ssai piasso e che diritura i se ga imparà qualchiduna. La scolti, cossa la disessi se ghe disessimo de cantar una al’inizio dela presentazion? La pensi che bel che saria sentir una Marinaresca cantada de sti sienziati cussì importanti, e pensar che i la sta scoltando in direta in tuto el mondo. Saria el giorno più bel per tuti i triestini, cossa la disi?”
- Saria ‘ssai bel sì. E cossa ghe ga dito el sindaco?
- El sindaco iera entusiasta, el ghe ga dito che iera propio un’idea ‘ssai ma ‘ssai bela, anca perché cussì lui no gaveva de far gnente, i gavessi fato tuto lori e po’ bon. Alora i xe andai de sti Coriachi a proponerghe l’idea, e lori al’inizio iera un poco titubanti, ma dopo i ga acetà, anca per coverzer el fio, che se no magari la siora Zaflaucic se insospetiva che el ghe gabi contà monade.
- I ga acetà alora, che bel ara!
- Sì, sì, la siora Zaflaucic iera tuta che la saltava de contenteza. “E che contenta che son, e che bel, e tuto el mondo scolterà el nostro bel dialeto e le nostre bele canzoni...” Alora la ghe ga chiesto che canzon che i gavessi fato, che la iera ‘ssai curiosa, e lori ghe ga dito che ‘ssai ghe piaseva quela del vento e che iera quela che i se ricordava meo. La siora Zaflaucic iera come una mata, robe che la ghe saltassi in brazo al sindaco ancora un poco. “La ga sentì? I farà quela sula bora! El tran de Opcina! Oh dio dio no vedo l’ora de sentirli cantar!”
- E daghe la bora che vien e che va...
- Sì, sì, la conossemo, stà bon. Insoma riva el momento solene dela presentazion, ghe xe un silenzio de tomba e tuti i oci e le rece xe puntai su de lori. El coriaco capo ciol la chitara, el va là del microfono e el disi, in inglese pulito, che prima de scominziar i vol omagiar la cità de Trieste e la siora Zaflaucic per la meravigliosa ospitalità del’ultima setimana. Al che la siora Zaflaucic xe tuta in brodo de sisole, se capissi. E insoma el se senta coi altri, i fa una picia pausa, i ciapa fià e i taca:

La scoreseta xe un vento tiepido,
che fa soletico, che fa soletico.
La scoreseta xe un vento sofice,
che fa zife zife zofete al bus del cul!

- Ostia tua remengo lori, la scoresa i ga fato?!? Per bon?!? No posso creder! In direta mondial! Ah ah ah, eco come che Trieste entra int’ela storia! E la siora Zaflaucic? Cossa la ga dito?
- La siora Zaflaucic xe andada insieme subito dopo la prima strofa. E co la se ga sveià, un pochetin dopo, sa cossa che la ga visto?
- Ah, imagino che el sindaco li gabi fati taiar.
- Lui voleva sì, ma squasi tuti i presenti iera stranieri e no i capiva un’ostia dela canzon, però ‘ssai la ghe piaseva, tanto che i ga tacà a cantar tuti quanti, tuti in coro, cussì co la siora Zaflaucic ga verto i oci la ga visto una marea multicolor de sienziati che balava tegnindose a braceto e cantando:

La scoresa, la scoresa, xe una roba natural,
chi che mola la scoresa el se libera de un mal.
Ma per fare la scoresa ghe vol ben tignir el fià,
perché se no vien fora meza, resta in cul l’altra metà!

- E la xe andada insieme de novo.
- Giusto come l’oro. E quei altri vanti a cantar, che ‘ssai i se divertiva e no i voleva più molar.
- Orco tocio, che cinematografo ara. Bon, ma almanco dopo i ga presentà sta invenzion? I ga rivoluzionà el mondo?
- Sì, sì, dopo i ga presentà tuto pulito, solo che ala fine i ga dito che prima de meter in opera el tuto i vol ancora darghe un’ociada se merita veramente magnar de meno o no.
- Ah, quindi i xe tornai in Kamčatka a far esperimenti?
- No, i ga dito che el posto meo per capir sta roba xe propio qua a Trieste, in osmiza, col fio dela Zaflaucic.
- Ah sì, bona questa, go capì, alora me par che gavemo cossa spetar. Fin Nadal e oltre! Speta muss che l’erba cressi!
- Fin Santo Stefano, altrochè. Ma chissà de che ano! Za xe ‘ssai se i ga rivà a tirar zo del leto quel povero putel incanfarà...
- Bon, scolta, intanto che te speti, legi vanti el libro, dei.