giovedì 31 luglio 2014

Care segnalazioni: la Germania e el poco de quel che se ciama

O che bel. Inizia ogi una rubrica dedicada ale più bele segnalazioni del Picolo.
Dal titolo: "Care Segnalazioni". In pratica, materiale cistà del giornal e titolo cistà dei Sardoni Barcolani Vivi. Cussì ne piasi.
Se parti dala vitoria mondiale dela Germania, meritada solo perchè tuti i muloni gaveva un poco de quel che se ciama.


Te sa sì. El titolista però podeva riassumer el tuto con un bel "Ghe volessi un poca de guera".
Seremo con un bel video dela sobria esultanza, con un poco de quel che se ciama, de Muller ;)



P.s. comunque, a onor del vero, anche a noi ne xe stai 'ssai sule bale i baloneri figheti de sto mondiale 2014, a partir del Brasil. Noi volemo robe tipo Higuita o simili, che i fazi simpatia!



domenica 27 luglio 2014

Università dele Nagane: specialistica in Nagana Mujesana

Foto ciulada ale Nagane Mujesane, che esisti per bon.
Ciaperemo tante per gaverghela ciulada.
Xe tuta colpa de Cristian!
Grazie all'esimio Dott. Prof. Cristian Trani, ecco che l'Università delle Nagane apre anche il corso di specializzazione post-laurea in Nagana Mujesana, che basa il suo piano di studi sull'estensione di concetti già presenti nel corso di armonizzazione cocleare del rutto, ovvero:

Peto: teoria, pratica ed evoluzione

  • Teoria, calibrazione della deflagrazione del peto e relativo dosaggio dell'essenza (dott. Nasofin Trombadiculo)
  • Strategia nella scelta temporale dell'innesco del peto e relativa balistica (prof. Co-cago Kago & dott. Ho-cho De-soto)
  • Studio delle interazioni dell'essenza del peto nell'ecosistema casalingo, urbano, rurale e forestale (prof. Naravni Rit)
  • Impatto sul pubblico e primo soccorso (dott.ssa Mudhandha-de-lattah Frz) 
  • Dietologia e cinetica del meteorismo acuto e cronico (dott. Hummus Prdez) 
  • Diplomazia relazionale e mimetismo pre/post deflagrazione (prof. Parakuloo Maakerobah)
  • Logistica e archittettura nella scelta del luogo (prof.ssa Mira Colcul) 
  • Pratica della deflagrazione e percezione olfattiva - seminario pratico in situ (nelle betole mujesane) a cura dei spett.li sig.ri Ucio Guato, Caval de Latta, Mario Muss e Mario Caval, Marino Km, Pino Mazucola, Robi S'ciok, Fabio Trentaeun, Bagongo, Pandefighi e Falzeta 
  • Valutazione del rischio d'impatto e misure di mitigazione (dott. Skam-peh Pampel) 
  • Cenni di economia del peto per biogas e relativi incentivi comunitari (dott.ssa Piuchetelamissi Piulaspussa) 
Tutti i corsi sono da 2 crediti, mentre il seminario pratico è da 6 con presenza obligatoria, tenuto da emeriti docenti Scoresoni.

Il test d'ingresso richiederà la conoscenza a memoria, espressa però in linguaggio morse scoresando, dei nostri studi riguardanti la relazione tra intelligenza e scorese e la capacità di comunicare scorreggiando.

L'esame finale si terrà musicalmente, il candidato dovrà comporre e suonare una deliziosa aria.

http://www.amazon.it/s?_encoding=UTF8&field-author=Diego%20Manna&search-alias=digital-text

lunedì 21 luglio 2014

Trieste e le clanfe: un legame inscindibile

Alora, dopo gaver studià el significato evolutivo dela clanfa, el suo repertorio completo e la sua georeferenziazion, eco che forsi xe el caso de andar a studiar el motivo geomorfologico del suo esser così presente nel Golfo de Trieste.
Niente de più facile.
Deghe un'ociada a come xe fato el Golfo de Trieste.
Eco.
Cossa ve ricorda?
Ve servi un aiutin?
Ecoci!



A cossa altro podeva servir un Golfo de sta forma, se no a tirar clanfe?
Tuto questo oviamente per ricordarve che sabato 26 luglio dale 14 in poi al'Ausonia ghe xe la Setima Olimpiade dele Clanfe, evento de no perder.
Ghe xe una marea de premi, el pacco gara xe 'ssai roba e i iscriti paga ridoto l'entrata al'Ausonia. Chi che vol iscriverse (oferta libera) devi farlo entro giovedi 24 luglio a questo link.
Me racomando!

E chi no sa far clanfe? No ga importanza, ghe xe anche el premio morbin per chi che fa la monada più cocola: copie autografe de Zinque bici, do veci e una galina con do teste, Polska... rivemo! e Ciano Mitraglia e il civapcicio del destino.

http://www.amazon.it/s?_encoding=UTF8&field-author=Diego%20Manna&search-alias=digital-text

giovedì 17 luglio 2014

Test: che clanfa te son?

In atesa del'Olimpiade dele Clanfe in programa sabato 26 luglio al'Ausonia (iscrizioni ENTRO giovedi 24 luglio a questo link), eco un test per quei che ancora xe indecisi su che clanfa far.

El test "Che clanfa sei?", in linea coi test mone che gira su fb. Quindi bisogna gaver fb per farlo.
Ma lo riportemo qua dei per chi che no ga fb.
Vizin ogni risposta ghe xe una letera e un puntegio. A fine test gavè la risposta, voi sè el profilo la cui letera ga el puntegio magiore. Gavè capì? Se no gavè capì -> Clanfa trda.

1) De dove te son?
Trieste   - C1
Udine   - F3
Muja   - N2
Oltre el Rio Ospo e el Timavo   - F2

2) Perchè te tiri clanfe?
Per schizar le mule   - T3
Per romperghe le bale ala Porfirio   - M3
No tiro clanfe, no go pel cul   - R2
Per no drogarme   - S2

3) De fisico te ghe somigli de più a:
Balotelli, son LEM   - G2
Briatore, ma no go nacici intorno    - C5
Suarez, e te rosigo   - U2
Paletta, ma col riporto tuto a destra    - F1

4) Dove te va al bagno?
Topolini, tra el setimo e l'otavo come le vere bobe   - G5
In Pineta, là del Barachin, che xe CTF Hotspot     - T3
Al'Auso, che cussì me aleno per l'Olimpiade    - M2
In cesso po'   - R1
A Lignan, perchè no go pel cul le clanfe    - F5
Al Bivio, a mostrar el fisicon le tete 0 gravity   - U2

5) Cos'te pensi del Comitato Anti Tuffi?
Ara i veci! Schizemoli!!!   - M3
I ga ragion, gavè roto le bale con ste clanfe   - R5
Xe tuta una machinazion de Camber & Co   - C1
Lotterò per la libertà del loro pensiero. Schizandoli.    - S2

6) Te ga za comprà l'ebook de Monon Behavior su amazon?
Sì, xe fighissimo, ghe lo consiglio a tuti!   - T1
Questa xe publicità scandalosa! Vergogna!    - F1
Sì, e go ciolto anca Zinque bici, do veci e una galina con do teste e Polska... rivemo!    - M1
Ciò ma anche la risposta 3 iera publicità gnanca oculta!   - F1

7) Che canzon triestina te preferissi?
 La cavala zelante perchè no la bevi più bira ma comunque la se strassina col cul    - U2
El torero manolito   - T3
Oh ce biel cjiscjel a Udin   - F5
La scoresa. Me piasi proprio l'aria de quela canzon.   - M3

8) Coss'te preferissi far al bagno?
Tirar clanfini ah, che monade!  - G1
Zogar a lavre    - R5
Vardar el cul dele mule   - T2
Provar se se riva piantar panoce   - F5
Tirar un cagon   - R1

9) A che categoria te apartien?
Boba, tuta la vita   - G4
Legera, e no go pel cul   - M2
Nagana, e nissun me la caza   - T3
Tara, xe cazzi vostri   - N5
Bu, blando dei   - S2

10) Se te saria sindaco de Trieste, coss'te faria?
Serassi subito la Feriera e al suo posto un stadio de clanfe   - U1
Mi son el Sindaco de Trieste   - C10
Vietassi le clanfe, subito   - R5
Chiedessi l'anession a Udin   - F10


Risultati:



S - Clanfa semplice: te son tradizionalista, gnente ghirigori o sghiribezi. L'importante xe andar zo e schizar.







T - Clanfa taconeti: ecolo là, el cultor del movimento sifonela dele culate anche in volo, Elvis the Pelvis in Memphis ciò!







C - Clanfa Cosolini: elegante, te se infili tra el publico e te se lanci vestì. Ma ara che quel xe un piron! Ma te schizi comunque ;)









G - Clanfa 360: o 720, per esser una vera boba. Te piasi farghe girar la testa ale mule ah!









R - Clanfa remengo vostro: discepolo de Franca Porfirio, no te ga pel cul le clanfe, anzi, te le odi e con lore tuti i clanfadori. Vecio!







U - Clanfa Superman: ben cazada, te ghe ga ciulà el sugaman ala mula col CTF factor più alto e desso te ghe lo slavazzi tuto. Omo!








M - Clanfa mortaio: per ti le clanfe xe vere e proprie armi de distruzion de massa. Te spari balonade a chilometri, rivando fin in furlania.daghe!









N - Clanfa Chuck Norris: te son agile come un gato e letale come un karateka. Calci volanti a go-go!






F- Furlan: gnanca no te sa coss'che xe una clanfa. Per ti xe tuto robe de lavor. Furlan!





 Bon, desso no gavè più scuse. Iscriveve entro giovedi 24 ala meravigliosa Setima Olimpiade dele Clanfe a sto link. Xe ulmo de premi. Se no credè, seguì el link e struchè sul montepremi.

E se no, almeno vegnì a veder. Apuntamento sabato 26 luglio dale 13 in poi!



martedì 15 luglio 2014

Le 5 disgrazie del tran de Opcina

E anche el tran de Opcina xe nato disgrazià
Doveva za partir, e ancora el xe blocà
va lento de cagarse, e tuti zo a far viz
nissun che ga capido che quel va avanti a spritz.

Il tram di Opicina, el tran de Opcina, durante il test finale prima del suo ripristino, par ancora incugnà.
Il Monon Behavior Research Department non poteva esimersi dall'attenta analisi scientifica delle cause di questo problema.

Il risultato è semplice: el tran xe disgrazià.
Ecco le 5 prove scientificamente inconfutabili:

  1. El tran de Opcina è considerata un'attrazione turistica triestina.
    Ecco, e za cussì, el xe cagà. Come tutte le attrazioni turistiche triestine, è soggetto alla maledizione di Miramare, e quindi va automaticamente a remengo.

    A proposito di turismo, ricordiamo i dieci veri motivi per scegliere Trieste.

  2. El tran de Opcina è nato sotto l'Austria.
    E come tutte le cose nate sotto l'Austria, è soggetto alla legge "se stava meo co se stava pezo", andando automaticamente a remengo con l'arrivo dell'Italia.
    Inoltre, per la somma dei punti 1 e 2, el tran è andato a doppio remengo, ovvero in stramonazza.

  3. La manutenzione è stata fatta troppo in furia.
    Solo due anni. Quindi sicuramente il lavoro sarà stato fatto alla CDC. L'Austria invece, che era un paese ordinato, aveva fatto le cose con calma e gesso, pian e ben: la concessione per la costruzione della trenovia fu emanata il 28 ottobre 1901, e la linea fu inaugurata il 9 settembre dell'anno successivo. 11 mesi per farlo da zero nel 1900. E' evidente che 2 anni per un intervento di manutenzione nel 2000 sono troppo pochi, ostia! 

  4. L'esortativo fastidioso del nome.
    L'etimologia di tranvai deriva infatti da "tran, vai!", incitamento all'efficienza e al lavoro che, da buon triestino, ghe fa girar le bale al tran. Che risponde con un "ma cossa vai dei, ciò, fate i cazi tui, va ti ah se te ga tanta voia". O, ben che vada, con un "volentieri".

  5. E, soprattutto:

  6. La canzone del tran de Opcina è un falso storico introdotto da cospiratori furlani. 
    Prova ne sia il verso "Bona de dio, iera giorno de lavor". Nessun triestino avrebbe il coraggio di scrivere un verso dalla filosofia così spiccatamente lanfur.

Foto rubada al Forum Trieste
Morale:
E daghe la bora che vien e che va
i disi che el tran qua xe nato disgrazià
E per sta notizia noi semo disperai
e caro Cogoi, semo anche cagai.


giovedì 10 luglio 2014

Pillole di educazione sessuale: il canale della mona

Mona e Canale della Mona.
Origine del mondo e causa di mille problemi. Spesso c'è stato, e sempre ci sarà, qualcuno dato per disperso alla disperata ricerca di Mona.
C'è anche chi ha passato tutta la propria vita senza mai trovarla, tacitamente anelando di percorrere un giorno quel canale.
C'è anche chi ha fatto di questo suo mal di vivere un vero e proprio film, dal titolo beffardo e criptico di "Alla ricerca di Nemo". (Se no la gavè capida, no savè larpar ala versari.)

Oggi, grazie ai potenti navigatori satellitari, trovare Mona è molto più facile, ed è a patata di tutti. Ah no, a portata di tutti. Scusate.
Eccola.


Dice wikipedia (tra parentesi i nostri approfondimenti scientifici):  

Mona è un'isola dell'arcipelago di Porto Rico (insoma bastanza dispersa, te pareva), situata in quella fascia di mare compresa tra la Repubblica Dominicana e Porto Rico, chiamata, per l'appunto, canale della Mona (e fin qua, tuto torna, circa).
Mona si estende su di un altopiano (poi chiamato Monte di Venere) composto da rocce dolomitiche e calcaree e caratterizzato dalla presenza di numerose grotte (numerose, no stemo esagerar adesso).
Con un clima arido (ahia...) e una natura quasi incontaminata (beh, dipendi dall'estetista) l'isola è abitata da numerose specie endemiche, tra cui l'iguana terrestre di Mona (robe de osteria numero venti... però dir ste robe xe un po' far terorismo... ).
In passato sull'isola sorgeva un piccolo centro minerario per l'estrazione di guano (ma come guano? xe qualcossa de sbaià in tuto ciò).
È molto probabile che i primi esseri umani a stanziarsi sull'isola siano stati gli indiani Arawak (cazada. El nostro Storic Department ga da poco dimostrà che i primi rivai su Mona iera gli indiani Arapai. Subito dopo xe rivadi svariati triestini, a spot, via via che la gente li mandava in mona.)
Il Canale della Mona ad ovest bagna le coste della Repubblica Dominicana e ad est quelle di Porto Rico, interessando, da nord a sud, i comuni di Aguadilla, Aguada, Rincón, Añasco, Mayagüez e Cabo Rojo (e qua diria che no servi comenti, se semo limitai a meter i grassetti sotolineadi. I comuni oviamente xe stadi ciamadi cussì dopo le visite in Mona. Qualchidun tornava esultante, qualchidun rinco, qualchidun con esperienze particolari).
Il canale della Mona è sito di frequentissimi terremoti, quasi esclusivamente di limitata magnitudo (robe tranquile insoma).

Ben, desso che savè dove zercarla pensè in futuro de trovar Mona cussì facilmente?
Illusi. Ecco la conclusione di wikipedia:

Il canale della Mona è uno dei passaggi più difficili di tutte le Antille, a causa della variabilità e della forza delle correnti e dei banchi di sabbia che si estendono anche a diversi chilometri da entrambe le coste (Ah ah ah, cazzi vostri!!!).

Grazie dela segnalazion a Lorenzo Pellizzari e Enrico Longato. La domanda che sorgi spontanea oviamente xe: come gavè trovà? Cossa stavi zercando? Ieri ala ricerca di nemo?



martedì 8 luglio 2014

Guida alla scontrosa grazia

Trieste ha una scontrosa
grazia. Se piace,
è come un ragazzaccio aspro e vorace,
con gli occhi azzurri e mani troppo grandi
per regalare un fiore;

ma che sa benissimo come
mandarte in mona de tu mare.

[credo che qualcossa de simile lo gabi scrito su fb Andrea Rodriguez o Elisa Russo o Francesca Delise, no so, paleseve, e se no depositerò mi el copyright :P ]

Il triestino e il suo dialetto comunemente non spiccano in quanto a eleganza. Allora ecco che finalmente i nostri ricercatori setacciatori de robe sul web hanno trovato la soluzione al problema, ciò che infonderà in ciascuno di noi un poco de quel che se ciama: la guida alla scontrosa grazia triestina.

Davide Cappelli, sul suo triestinblog, ci spiega così come donare aulicità ale parolaze triestine.
Eccone alcune (le altre a questo link):


Coleomorfo ("mona")
"κολεός", in greco antico, significava "guaina", "fodero" (in latino la medesima cosa era indicata con la parola, ai nostri coevi ben più familiare, di "vagina"), e benché paradossalmente vi derivi l'epiteto di "coglione", è relativo all'organo sessuale femminile. "μορφή", invece, significa "forma", pertanto "dalla forma di vagina". Bisogna però capire bene se la "mona", come la "fica", corrisponda al dotto vaginale oppure alla vulva. In quest'ultimo caso si potrebbe usare la parola latina "cunnus" (a sua volta derivante dal non tanto benevolo "κυνή", "cagna"..), ipotizzando il termine "cunniforme". Ritornando al greco sarebbe plausibile applicare il suffisso -onte (più o meno dal participio presente del verbo "ἐστὶ", "essere") ottenendo "coleonte" ("che è vagina"..).

Coprofago ("magnamerda") In realtà la Coprofagia umana è un vero comportamento che si inscrive in un quadro clinico psichiatrico di tipo schizofrenico in cui i soggetti si nutrono ("φαγειν" significa "mangiare" in greco antico) di escrementi ("κοπρος"). Al di là dell'accezione medica, però, il termine può essere impiegato come epiteto per descrivere una persona in grado di sortire disgusto e disapprovazione in chi la incontra. Si noti pure come, senza andare a scomodare le teorie dello sviluppo freudiane, l'idea stessa di nutrirsi delle proprie feci non soltanto è molto riprovevole ma riporta anche a fantasie infantili e di base (regressione). Uno degli scopi dell'uso di tale epiteto è dunque anche quello di instillare nel destinatario un senso di inadeguatezza alla situazione contingente.

Coprolalo ("..che disi stronzade..") Anche per la Coprolalia è possibile tirare in ballo i disturbi psichiatrici. In effetti ci sarebbe un termine anche più tecnico per descrivere le persone che non si trattengono dallo sparlare ("λαλια") su cose false ("ψευδα"); peraltro la vera Coprolalia riguarda proprio il dire cose scurrili (Sindrome di Tourette). Non di meno l'impiego, ancorché fuori dell'ambito clinico, del termine coprolalo appare certamente più adatto ai tempi e suggestivo nel descrivere una nota tipologia di individui.

Usando sempre lo stesso tema copro- è possibile costruire altre parole come Coproprosopo ("faccia de merda"), o meglio la forma contratta Coprosopo, dal greco antico "πρόσωπον" ("volto"), Copromorfo ("simile alla merda" e quindi "stronzo"), "Copronte" ("che è merda") e tante altre..

[continua...]


Ecco, non è molto più grazioso, scontrosamente restando, dire "coleomorfo de copromorfo coprofago coprolalo" piuttosto che "mona de stronzo magnamerda sparastronzade"?

Sì bon, ma perchè ghe xe la foto dela statua de Joyce se la poesia xe de Saba? Cussì, per coprolalar in alegria e per far un poco i coleomorfi.

P.s. Davide disi che presto sarà pronta la pronta anche la "second edition" con chicche come "Proctofragia" ("spaccar el cul")


lunedì 7 luglio 2014

Omini o Picarini? L'Ikea risponde

Ecco la risposta dell'Ikea all'annosa questione tipicamente triestina che supera in drammaticità anche l'enigma poliziesco Shakespeariano de co che te sta per parchegiar in divieto e te se domandi: "tubi or not tubi?"

Ah sì, l'annosa questione tipicamente triestina è: Semo omini o picarini?
Ecco la risposta.


Beh, no iera dubi.
Grazie a Marco Massimiliani per foto e segnalazion ;)
p.s. i ne disi che no xe proprio Ikea ma un progetto 1a1workshop ;)