mercoledì 29 gennaio 2014

Ferriera, il vero piano di riconversione

E bon dei, visto che par che no se parli altro che de Ferriera, tiremo fora el Piano de riconversione elaborà dal Monon Behavior Research Department e publicà nel Tre Volte Monon Behavior. Iera un poco un segreto, ma ve lo contemo per tranquilizar un poco tuti.


The Ferriera and the two headed-chicken


Preface 
The Ferriera is one of the greatest triestin problems of all times. It is like a giant furnace that emit a lot of different coloured spuzzes and fumere and black polver that incragnate the houses, the cars and the polmons of the people that live in the vicinanz.
A lot of people, in particular servolans, want the Ferriera to be transformed in a spaceship and be sent forever in the galaxy, very far away. Or, in alternative, want it to be destroyed in 100000 small pieces, vanishing in an atomic giant mushroom of freedom (ev democracy). Or, in alternative, want it to be traslocated in the house of the sindac. Or in the house of the president of the region. Or in a random town that ends with “-acco”. Or, in alternative, want it just to be closed and the key buttated in the condot and po' bon.
However, there are also a lot of people that work inside the Ferriera and that would loose their job.
So, the situation is very longhee and there are different positions and different promises of closing, of neting, of parfuming, of sposting, of converting, of making a qualcossa dei. The only result is that the Ferriera is still there, still spuzzing.
As we are always close to some election, a Homo politicus, that we will not cite, ask us to elaborate a conversion plan that will make all happy: servolans, triestins, workers and fundamentalist ambientalists. As this candidate gave us a lot of fliches, we have elaborated this great plan.


Name
Ferriera is the typical name that is old and revolted to the past. The citizens have scassated themselves the maroons of the past, they want some renovation, some positive and propositive name, young, focused on the present or even better launched at full speed to a fantastic and brilliant future.
So we propose the name Ferrxe o Ferrsarà.


Project of conversion 
We live in times in which there is a great interest for the traditions, for the history and for the cultural memories of the populations. So, we made a very deep research in the history of the Ferriera, back to the XIX century, finding some very interesting things.
The small borghett of Servola, which name derived from Sylvula (Wood), was very famous from centuries for the production of a gustosissim bread, and the women that prepared it, the pancogolas, were rinomated in all the austroungaric empire.
The celebrity of the bread arrived adiritur to the Kaiser Franz Joseph, who invited the pancogolas in Wien to taste the famous servolan paneen. It was the 1897. In this occasion, Franz Joseph made a big gift to the pancogolas: a super ultra fantasmagoric modern technologic­al furnace to prepare their bread.

Kaiser Franz Joseph gives the modelin of the Ferriera to the pancogolas as a prize for their good bread.


This furnace was, obviously, the Ferriera, and from that day the pancogolas ghe ga dà zo in piena. It's only with the great skagazz of the first world war that the Ferriera became a heavy industry dedicated to carbon and metals and spuzzs. Then, after some decades, the pancogolas extincted for the too restrictive laws and burocracy.
Moral of the story: the Ferriera was in origin a furnace for bread, and this is what we want it to became again (note digomonade).


Workers
All the actual workers of the Ferriera will not loose their occupations, in fact the new bread furnace will need a lot of cooks and panettiers, and we will teach them how to do these jobs.
We also want to revive the figure of the pancogola, obviously readapting her to modern times. The pancogola of the Burlasconian Age will be the “pancocola”, a nice girl of maximum CTF factor and minimum dress factor full of joy, uguaglianz and pari opportunities. If she is also able to make bread, even better.


Bonificas
One of the greatest problem of the actual Ferriera is that the surrounding ambient is all inquinated and scagazzated. So, a great bonifica is needed, but, as we are pedocious and ecological sustainable, we will recycle all the sporcugnes.
The carbon, for example, will be obviously used to aliment our furnace, but also for a new genial purpose: we are planning to make a big black beach of carbon sand, just in front of the Ferriera. This beach will be full optional: thanks to the carbon sand, you will be abbronzated in one second, just sdraianding yourself on it. In addiction, people will be allowed to make panzonic grigliatas of cevapceecee, razneecee and what they want, simply using our carbon sand to cook. Furthermore, in the winter season, the carbon will be impizated, so people will make the toch even in the coldest day of bora and our balnear stabiliment will be open all year round. And, last but not least, our pancocolas will be very happy to be at people's service, taking them a fresh paneen of fritaia for breakfast, lunch and dinner.
We are quite sure that this beach will become famous in all the world and will attract a casinaz of tourists. We will call it the Carbonceen, in honor of the Pedoceen.


Products
The production of the furnace will comprise all the traditional triestin paneens, so we will produce white bread, black bread, bombets, rosets, stroozas, beegas and beeghettas, s'ciopetts, pagnottes, pangrattated, pansooto, caiser, cheefels, brooschettas, stoombelzes, cornetts, ecc.
We will also experiment new fantastic tastes with all the vanzumi of the old Ferriera: carbonic bread, sulfuric bread, zincopiombic bread and other like these. Most important, we will always give to our clients the zonta de pan de fighi.
Obviously, all our products will be proudly insigned with the regional label “Tipicamente Friulano”.


Km zero
In this times a lot of people are fan of the Km zero, and prefer to buy local products in order to be more sustainable and to inquinate less, eliminating long transports.
We think that this is a very positive attitude, but, in order to make a lot of money, we need to sell our products in all the world, so we studied a plan to cazzarghela to the km zero fundamentalists.
The most artistically talented of our workers will be occupied in the design of smart cammuffaments for our paneens, in order to make them appear spanish, americans, japanese, madagascarians or whatever we need. For example the austriac paneens will be full of capuzi che no se pol magnar, the chinese will have the “made in china” label, the jamaican will be s'ciocanding, ecc. The portoguese paneens instead will not exist, because they could cazarnela without paying us. Idem for the istrians. And the genoves.

The jamaican paneen


Biological
Another thing that people like very much in these times is the biological product.
So, we have bought a lot of sudoku in order to evaluate the logical capabilities of our products. Instead, we have not understood the meaning of “bio”. Bu, our products will be logical and po' bon, people will have to accontentate themselves, dei. And if they do not like our “logical paneens” and want “biological paneens”, they will tackate themselves to the tramway.


Transport
As we are very sgaious, we will use an innovative pedocious zachetesoning (Manna, 2009): we will put a small bridge over the Superstrada, that is very close to us, and we will launch our paneens (involtizated in some tacadiz contenitors) on the cars in the road that are going to the final destination of our paneens (they will have to declare their destination at the beginning of the Superstrada).
In recent times there were a lot of polemics because the Ferriera was accused to be the cause of a lot of s'cioks in the Superstrada caused by her black polver. This problem will be easily resolved because all the eventual fregoles of our paneens fallen in the Superstrada will be immediately eaten by the colombs, so also the animalists will be happy and there will not be scovazzas in the road.


Construction times
The conversion of the Ferriera could be done in less than one year, using our modern technology of disfing and remaking. However, we are sure that there will be a lot of nosepolist problems, Siora Jole will write to Segnalazioni that the old Ferriera must be protected and that nissun ghe gaveva dito sta roba, Ucio de Borgo will answer that the carbon xe bon, Cianeto will write that Stelio told him that the carbon sand is corrosive and the decision will be rimandated, at least until the next elections.
However, as we have yet intascated our lot of bori, we do not gavem pel cool and we will keep on singing this Sardoni Barcolani Vivi song:

La Feriera no sporca, la Feriera no inquina, 
 la Feriera xe la catedral de Trieste, de Muja e Dolina. 
Un rion che sparagna sula luse in cusina, 
una fiama splendente ilumina Servola sera e matina. 



Note digomonade: as this story is little real and little inventated and could create casin and confusion, we tell you what is real and what is not. The Ferriera obviously never was a bread furnace. Instead, the story of the pancogolas that met Franz Joseph is real (except for the gift and for the date: 1897 was the date of birth of the Ferriera). 


References
Manna D. 2009. Spinazing, the triestin answer to the crisis. Monon behavior Ciu: 8-12.





lunedì 27 gennaio 2014

Il Ponte Trento-Trieste esiste. E si trova nella città del "Se pol"

Importantissima scoperta dei nostri ricercatori sul campo (in giro per betole).
Il Ponte Trento-Trieste, da tutti dato per mito, falso storico, monada o ambiguità dei libri di storia, in realtà esiste. Doveva essere costruito, ovviamente, tra Trento e Trieste, ma a Trieste, si sa, vige la regola del "No se pol". Così alla fine è stato costruito in Iran, nella città di Si-o-se Pol, nemesi del capoluogo giuliano (esisti per bon, ou!). Eccolo in tutto il suo splendore.


La prova definitiva che si tratta proprio del ponte Trento-Trieste? Semplice, il Ponte è costituito esattamente da trentatrè archi. Praticamente uno per ciascuno dei Trentatrè trentini.
Eco, a furia de dir "No se pol", i se ga portà via anche el ponte!

P.s. Grazie a Rudy per la segnalazion de sta splendida cità: gemelagio subito! :)




domenica 26 gennaio 2014

Chi scoreggia spesso è più intelligente: il vero perchè

Oggi ci occupiamo di integrare l'importante studio di Isaak Steinberg dell'Università del Wisconsis, che ha scoperto una notevole correlazione tra l'intelligenza e l'attitudine a tirar petazzi. In pratica, le persone intelligenti scoreggiano più spesso degli altri.

Purtroppo, da buon biologo molecolare, Steinberg si perde poi in una spiegazione a base di proteine, potenziali elettrici e enzimi, che al grande pubblico risulta di difficile comprensione, provocandone altresì l'attivazione dell'enzima checoionasi.
Il Monon Behavior Research Department è lieto di dare il proprio contributo a questa ricerca, fornendo la semplice motivazione evolutiva della scoperta. Eccola.

 Fin dalla preistoria, attorno a chi mollava una scoreggia si è sempre creato un fuggi fuggi generale, lasciando il performer da solo, in pace e senza rompicoioni intorno. Anche i predatori si son sempre tenuti alla larga.
Questa assenza di stress e di elementi di disturbo ha ovviamente favorito la capacità di concentrazione, di pensiero e la libertà de farse i cazi sui. In poche parole, l'intelligenza.
Per lo stesso motivo, ovviamente, è facilmente verificabile che alle persone intelligenti ghe spuza i scai

Infine, a dimostrazione della tesi, ecco un importante contributo video. Ovviamente ambientato nel classico luogo di ritrovo degli intelligenti, la libreria.




Bon, e adesso non vi resta che andare a comprare l'osmiza sul mare e regalarlo a tutti!
Se no no riverè più scorezar anche se sè sgai! :P

L'Osmiza sul mare lo trovate in tutte le librerie di Trieste e Bisiacaria a 10 euri.
Oppure comodamente online a questo link.
O anche in formato ebook.



FOLLOW THE WHITE COCAL!

sabato 25 gennaio 2014

Almonacco 2013

Le robe veramente importanti del 2013 a Trieste
Per no perderlo sul diario de facebook, lo riscrivemo qua

Genaio
Xe rivà Ponte Curto. El xe curto. No xe vero. Sì che xe vero. Se te disi che xe curto, el sindaco te denuncia. Un comitato de citadini strinzi le sponde zucandole cole corde e tuto se giusta.

Febraio
I veci xe ancora là che varda el cantier del Ponte Curto, nato disgrazià. Nel fratempo, quel'altro nato disgrazià, el tran de Opcina, no se ga ben capì se el sburta radicio o se prima o poi el tornerà a corer sule sine.

Marzo
Ponte Curto xe verto. Dopo do giorni, se iaza, i veci sbrissa e bisogna serarlo.

Aprile
La Serracchiani vinzi le elezioni. El PD va in para, riunion imediata per capir cossa nassi e cossa i gavessi dovudo far per perder.

Magio
Esci Polskarivemo!, el libro più bel del mondo!

Giugno
Un pericoloso reportage al'alba testimonia la presenza de una latina in cavana, un cestin de scovaze pien de scovaze e muleria che bevi bira in via venezian. Imediato l'alarme movida e degrado.

Luglio
El sindaco Cosolini apri l'Olimpiade dele Clanfe butandose in acqua vestì. La giuria lo picona perchè el ga fato un piron. Però no el se ga tapà el naso.

Agosto
Riva finalmente l'estate. Su segnalazioni Ciano Fasol disi che no xe mai sta' cussì caldo.
Finissi l'estate. Su segnalazioni Toio Biso disi che no xe più el caldo de una volta.

Setembre
250 fora come pergoli se iscrivi ala Rampigada Santa e se fa tuta Scala Santa in su, de corsa o in bici.

Otobre
La Fenice falissi, i libri ris'cia de finir al macero. Pupoli. I triestini li compra al 10% del prezo.
Memori del'esperienza, tuti desso gufa che falissi anche qualche azienda vinicola.

Novembre
Riva Putin a Trieste, la cità xe blindada. No se ga capì ben cossa el xe vegnù a far. Vosi disi che, dopo gaver incontrà Dudù la sera prima, el voleva incontrar anche el can de Trieste.

Dicembre
Una nova discoteca vol verzer in pien centro. Per prevenir l'overdose de movida, nassi un comitato che ingruma firme per serarla prima ancora che la verzi.
Polska... rivemo! vinzi el secondo premio al Concorso Letterario Nazionale dedicado a tuti i dialeti italiani. Premiazion in genaio al Campidoglio!

Buon 2014!



giovedì 23 gennaio 2014

Il cervello degli anziani, l'alcol e la teoria della mandria di gneuroni

Due importanti studi internazionali hanno attirato la nostra attenzione in questi giorni: il primo dimostra che il cervello degli anziani rallenta non per l'età, ma per l'eccessivo accumulo di informazioni (Wayne Gray e Thomas Hills, 2014); il secondo che le persone intelligenti consumano più alcol. Anzi, alcohol, che fa più international (John D. Mayer, 2014).
E bon, e qual è la relazione tra i due?
Semplice: la teoria etnologica (eto-enologica) della mandria di gneuroni.
Vediamo cosa dice.

Immaginatevi una mandria di gnù, in Africa. Per non far restare indietro nessuno, il gruppo segue il ritmo degli individui più lenti.
Arriva un predatore, leonessa o pantera che sia. Ci sarà un fuggi fuggi generale, e gli individui più lenti verranno catturati e uccisi dai predatori.
Da tutto questo, il ritmo della mandria di gnù ne trarrà ovvio giovamento, avendo meno individui lenti da aspettare.  
Ora, fate il parallelo con il cervello umano.
I neuroni lavorano in gruppo, sono una mandria. Li chiameremo gneuroni, per rendere ancora più incisivo il confronto. Col passare degli anni, le sinapsi tra gneuroni si accumulano sempre di più, rallentando la fluidità del sistema. La mandria di gneuroni inoltre è soggetta alla stessa regola della mandria di gnù: si segue il ritmo dei gneuroni più lenti. Questo è appunto l'effetto dimostrato nel primo studio sul cervello degli anziani, oberato dalle troppe informazioni e dai troppi scaraboci e sbisighezi gneuronali.  
Ed ecco che entra in scena il predatore di gneuroni: l'alcohol.
Che sia vin bianco (leonesse) o nero (pantere), questo avrà due importanti effetti:  
1. prederà i gneuroni più lenti. 
2. eliminerà informazioni disutili.
Da tutto questo, il ritmo della mandria di gneuroni ne trarrà ovvio giovamento, avendo meno gneuroni lenti da aspettare e meno informazioni da gestire. E questo è proprio l'effetto illustrato nel secondo studio, ovvero che le persone intelligenti consumano più alcol.
Tutto grazie alla teoria etnologica della mandria di gneuroni.

Ecolo.
Bon, desso andemo bever una leonessa col'aqua minerale. Un spritz, dei. Viva!

P.s. la teoria mi è stata esposta da Marzia Piron, prima di essere aggrediti da una pantera, che fortunatamente non ha cancellato l'informazione.A Marzia era stata esposta da Gianpiero Cossarini, che l'aveva letta sulla bacheca della facoltà di ingegneria di Harvard. Quindi, in pratica, questa è la preview di un paper scientifico de Harvard, li gavemo fregai! :P




mercoledì 22 gennaio 2014

Le scie chimiche esistono, ma sono buone

Finalmente il Monon Behavior Research Department ha indagato su uno dei grandi misteri complottistici moderni: le scie chimiche, da molti considerate responsabili di questo inverno così caldo.
I nostri ricercatori sono giunti alla conclusione che sì, le scie chimiche esistono e servono proprio a modificare il clima.
Ma sono buone. Ecco chi le ha introdotte e perchè.

Le scie chimiche sono la risposta di un'organizzazione umanitaria no-profit per combattere la crisi.
L'associazione si chiama Crosi alla Crisi (da non confondersi con la perfida organizzazione anticesotta Crisi alle Crosi, da anni in combutta con le associazioni Cloro al Clero e Carie alla Curia per la riconversione delle Chiese in centri benessere termali all'acqua santa), e dopo anni e anni di sperimentazione, grazie ai fondi lasciati in dono dalla benefattrice Madre Teresa d'Austria, è riuscita dal 2013 nel suo intento di far risparmiare ai poveri grazie al controllo climatico.
Vi ricordate l'estate de merda 2013? Quante volte non siete andati al mare a causa del freddo e della pioggia? Provate a calcolare quanti spritz avete risparmiato, e ringrazierete Crosi alla Crisi.
Ed ora l'inverno 2014, mai così caldo. Quanti non hanno ancora acceso il riscaldamento, risparmiando così sulla bolletta? Tutto merito di Crosi alla Crisi e delle sue scie chimiche.

Prossima mission dichiarata? Pioggia ogni week-end, per evitare le costose scampagnate enogastronomiche domenicali.
Il nostro Dipartimento di ricerca si sente in dovere di ringraziare di cuore questa organizzazione umanitaria così altruista, con un bel mazite.



lunedì 20 gennaio 2014

I gatti pensano che l'uomo sia come loro: e i triestini?

L'importante studio internazionale che sta girando oggi è quello del  biologo inglese John Bradshaw, che ha scoperto che i gatti pensano che l'uomo sia come loro.
Figon.
Ma questo studio vale anche a Trieste?
L'abbiamo chiesto direttamente a Bradshaw, che ci ha svelato che il suo  studio si basa su una serie di interviste a tutti i gatti del mondo, quindi anche a quelli triestini. Gentilmente è andato a cercare i file riguardanti la nostra città, ed ecco cosa ne è saltato fuori.
Alla domanda di rito, fatta a tutti i felini "Ma pensate che l'uomo sia come voi?", i gatti triestini hanno risposto: "Mah. I xe sempre là stravacai, no i ga voia de far un clinz e no i ga pel cul nissun. Sì, i triestini xe decisamente come noi".

Anche culinariamente i gatti la pensano come i triestini. Nella foto, Capitan Harlock esprime dissenso dietetico.
Concludiamo con questo importante studio sull'etologia del gatto e del cane tratto da zinque bici, do veci e una galina con do teste:

Cani vs gati. Xe el più classico dei dualismi, insieme forsi a Union vs Laško. I cani te scolta, i gati no te ga pe’l cul. I cani xe tui amici, i gati no te ga pe’l cul. I cani speta che te ghe disi ti cossa far, i gati no te ga pe’l cul. I cani te vol ben, i gati no te ga pe’l cul. Tipiche argomentazioni antropomorfetologiche. Mi go sempre tifà pei gati: autonomi, autopulinti, no i sporca, no i frizi, no i inquina, no i xe castroni, i zoga e i fa le fusa che te rilassa e te concilia el sono. Dopo, visto che no i xe computeri, tanto dipendi del caratere individuale. Se te capita el gato che no te ga pe’l cul, xe poco cossa far, no el te gaverà pe’l cul. Ma pol anca capitarte el can che te rosiga el popoci a tradimento. Quando vado in giro in bici, le mie simpatie le sburta ancora de più in direzion dei gati. I gati no te ga pe’l cul, ben dito. Te ghe passi vizin e lori i xe là, ciapai int’el far le propie robe. Dormir, zogar con un sorzo, meditar sul’infinito leopardiano (ai oci de un gato, un leopardo pol per bon sembrar quasi infinito). Ti te fa parte del contesto, te passi, lori te varda, magari i se fa un do ridade drio de ti, i filosofegia sul significato recondito del tuo passagio in questi zinque secondi dela loro vita, ma i resta fermi a far avanti le robe che i stava fazendo e no i te ga pe’l cul. I cani no. I cani vivi int’un continuo stato de ansia e cinciut. Ciò xe de far qualcossa. Ciò riva ciclisti. Ciò el mio paron cossa faria. Ciò el mio paron cossa volessi che fazo. Ciò no so, no el me sta dando nissun ordine. Ciò alora forsi no va ben quel che fazo. Ciò alora cossa go de far. No so. Orca. Ciò. Bu, de solito abaio. Bon provemo. Bau. Nissuna reazion del paron. Ciò alora forsi son nel giusto. Bau bau. Orca el me ga zigà, forsi devo star zito. Ciò mi però sti mati in bici no li go mai visti ciò. Sa cossa, nel dubio abaio e rugno cussì movimentemo un poco la giornada, no come quei mone de gati che sta distirai a filosofegiar sui misteri del’universo. ‘Ssai pochi misteri xe: qua xe casa nostra, quei xe ciclisti che mi no go mai visto e che xe vizin de casa nostra. Nissun mistero, no xe ‘ssai de pensar, xe tuto ciarissimo. Quindi bau! Anzi, bau bau bau! Son in piena! Bau bau sbarabau bau bau!
Eccheccoioni!
Differente predisposizione caratteriale del canide e del felide. L’individuo a sinistra è concentrato e pronto all’azione al minimo cenno del padrone, mentre l’individuo a destra… no ga pe’l cul.


venerdì 17 gennaio 2014

Triestini a Roma per la giornata dei dialetti

Al Campidoglio per il secondo posto nel Concorso Nazionale "Salva la tua lingua locale", dedicato ai dialetti di tutta Italia, il giorno prima della giornata nazionale dei dialetti, oggi.
Quindi de desso se parla in triestin.
La spedizion incomincia mercoledi matina, ore 7:21, sul tren dela speranza Trieste-Roma. La rapresentativa Mononica xe el scrivente Diego Manna, Chiara Gelmini e Paolo Stanese. Grande assente l'altro autor Michele Zazzara, che se sta specializando in pupoli e grafica granfica in Svezia.
38 euri a testa andata e ritorno in supereconomy, che vanzada! E che spavada. Riveremo per le 15:20. E cossa faremo? Vedemo. Parti el giro de messagi fb e sms. Figon, gavemo anche un'intervista. Bon, alora femo cocktail de contati. Ghe demo apuntamento a tuti ale 18:40, super aperitivo triestin.
La stanza la gavemo al B&B Maggiore, in Piaza Santa Maria Maggiore. Sora el teatro romano tipo. Tripla a 11 euri a testa. Semo pronti a tuto. E invece no trovemo nè bacoli nè trapole nè gente che ne vol portar via reni. Figada. Bon muli, xe sol, femo un giro? Sì dei. El leto però xe 'ssai comodo. Riveremo a andar fora solo coi colori del tramonto.
Al'aperitivo triestin semo in 8, poi 9, poi 10, poi 8. Chi che xe là per studio e poi xe restà, chi perchè se ga inamorà dela cità, chi per seguir el moroso, chi per el dotorato. Una bela clapa acomunada del spritz. Andemo de Panella, bel posto. Vin a 15 euri. Figada, una boza a 15 euri, se pol far.  E el calice? Perchè no xe i prezi dei calici? Speta. Bira de 33 cl a 18 euri. Quindi 15 xe i calici de vin, no le boze. Bon muli, chi simula un malor? Ghe disemo che la nostra religion ne vieta de spender 18 euri per una bira. I xe cocoli, i capissi. No rivemo convertirli al'istrianesimo però. Cambiemo posto, za meo. Ciacole, ridade e spritzeti. Xe propio una bela serata. Sì, ma l'intervista? Orpo, xe vero! In ristorante indian, mi e Paolo se metemo drio la porta, seguindo le diretive dele super Martina Seleni e Lucia Cosmetico. Se divertimo.
Qua un picio toco del'intervista per el Piccolo.

El toco completo lo trovè sula pagina de Martina.

Esploremo ancora i locali romani. Una vineria e in ultimo un posto 'ssai particolare, musica in vinile e calceto gratuito.E sul'ultimo gol riva presto le 2.
Dismissiarse ale 8 no xe cussì facile. E gnanche magnar quela specie de krapfen che go ciolto per colazion. Pien de Nutela. Ma pien nel senso ulmo. Cioè tipo che iera mezo baratolo de Nutela dentro. Bomba.
Coremo in Campidoglio. Coi zaineti in spala, se sentimo 'ssai in gita scolastica. Ou, mi go ancora le due latine de Union dentro. No xe che i ne controla i zaini e no i ne fa entrar? Dei, no podemo ris'ciar. Eh bon ah, toca beverse la Union fora, che no se sa mai. Ecoli. Dentro par tuto 'ssai serio. Semo nela sala dela Protomoteca, per esser precisi. Fila per l'atestato, fila per i acrediti stampa. Figon ciò. Nela sala dela premiazion, l'età media ne fa sentir a casa, nela nostra bela Trieste. Escludendo una scolaresca, semo i più giovani. Sbisighemo l'antologia del premio coi nomi e le bio dei premiai. Inutile dir che la pagina più importante xe questa.



Anche là semo i più giovani. Che un podessi anche farse un do conti: concorso sui dialeti + publico diversamente giovane + vincitori diversamente giovani = i giovani no ga pel cul i dialeti.
Incomincia la cerimonia, un pochi de convenevoli, e subito un video sula situazion atuale dei dialeti. Ioze de aqua che casca, e poi el deserto. Pessimismo cosmico ciò. E forsi sarà per bon cussì, a Trieste in fondo semo un poco un'isola felice. E de altre parti? Eco, quel che forsi xe mancà, xe che a quei che xe stai premiai ghe se podeva domandar come xe la situazion del suo dialeto. Cussì, giusto per farse un'idea.
Se va avanti fin le 13, la sezion libri editi xe l'ultima. Le poesie vien adiritura lete. I libri oviamente no, tropo longhi. Vien leto giusto un abstract e poi la motivazion del premio. La motivazion.
Figada! E quela de Polska... rivemo! quale xe? Eco, sicome iero emozionà come un pampel, iero impegnà a pensar a quale pie ga de star un poco più avanti rispeto al mignolo dela man sinistra che sta gratando i pei dela barba nela zona centrale del mento, e no go scoltà gnente e no me ricordo. Eh bon, capita ah! Comunque iera bela, sicuro ;)
Torno sentarme. Nela nostra ala triestina, vien a presentarse el signor Roberto Pagan, triestin del '34 a Roma del '69. El me regala un suo libro, "Robe de no creder". A Trieste, el me disi, lo conossi in pochi. Ma el tornerà in primavera. Xe un scritor e critico, ma sopratuto poeta. Con diversi libri e diversi premi ale spale, anche. E ameto la mia mussagine, fazo parte dela Trieste che no lo conosseva. Ma bel, desso lo conosso, vedi ti se un ga de andar a Roma per conosser un poeta triestin. Me fa 'ssai piazer che el sia vegnù a saludarne, e che el sia sta' visibilmente contento del nostro premio. Anche altre signore ne saluda e se complimenta per la nostra cità. Tuti ghe vol ben a Trieste, ciò.
Sì ma speta un atimo, parlemo dela roba più importante: el buffet! Eco. El buffet no iera. Delusion fotonica. No solo perchè ne piasi magnar e sbecolar agratis. Ma perchè el buffet ga propio una funzion sociale. Me gavessi piasso ciacolar un poco de più con Roberto, o coi altri premiai, domandar come xe coi dialeti, gaver un scambio. Invece, senza buffet, co le robe finissi xe tuto un fuggifuggi generale, e i dialeti se disperdi e ognidun torna verso i propri lidi.
Val anche per noi, che col tren dele 15.40 tornemo verso casa.
Sì ma ou, e Roma? No te ga qualche foto? Per cossa te mandemo in giro?
Giusto. Eco le foto che me piasi mi. La vita de strada de Roma.


 Non sostare senza te. E subito dopo questo.


Vietato parcheggiare. Eh beh, tuti ga 'ssai pel cul vedo :D
Come me xe parsa Roma? Ve dirò: el nostro ragio d'azione xe stado due chilometri. Ma se li semo godudi sempre a pie. Il che te fa aprezar l'aria che tira. E tirava aria de provincia, almeno, questo xe quel che sentivo mi. Una provincia 'ssai grande, ma con l'empatia dela provincia.
Il che, oviamente, xe positivo.

martedì 14 gennaio 2014

Traduzioni mononiche: questa domenica o la prossima?

I triestini, se sa, i fa casin con el termine "la prossima", sia che sia una fermata dela coriera, sia che sia un giorno in cui becarse. Alora el Centro Didattico Naturalistico de Basovizza ga pensà ben de farghe casin anche ai visitatori international con sto cartel.



Domenica xe verto. Che domenica? Questa! Ma questa quala? La prossima o questa che vien? Questa! E la prossima xe serà? No, xe verto, perchè fra una setimana anche quela domenica diventa "questa"!

domenica 12 gennaio 2014

El can che camina zelante

Forsi no tuti sa che al'Ikea i vendi un interessantissimo pupoto.
Che xe nato del'incrocio tra la Cavalla zelante e el Can de Trieste.
Ecolo.



Xe el Can che se strassina col cul. (Però no el bevi più bira).
Grazie a Erika Ronchin per la segnalazion, e la foto ;)


sabato 11 gennaio 2014

Polska... rivemo! on the Little

Hey, semo su Il Piccolo! :)
Ecco il bellissimo articolo della notizia del secondo premio al Concorso Nazionale "Salva la tua lingua locale", dedicato ai dialetti di tutta Italia.

Super, che vanzada!
Il 16 gennaio saremo a Roma al Campidoglio a ritirare il premio. Daghe!

venerdì 10 gennaio 2014

Nettuno fa la spesa a Trieste

Ecco. Probabilmente tutti nella vita si son chiesti dove faccia la spesa Nettuno. Quante notti insonni a causa di questo dubbio, ciò!
Ecco la prova che Nettuno fa la spesa a Trieste. Se ga dimenticà el carel là del Molo Audace.
Resta da scoprire il supermercato: il SuperCooz o il DeSparo? Più probabilmente l'EuroSpin.

mercoledì 8 gennaio 2014

La distanza delle lingue europee: e el triestin?

Proprio oggi girava su facebook questo interessante pupolo altamente scientifico sulla distanza delle varie lingue europee, organizzate in grandi gruppi. Figon.

Abbiamo portato questo studio nel centro di ricerca su per le alte, là dele frasche.
Toio ha detto figon.
Ucio anche.
Ciano ha detto: "Sì, ma manca el dialeto triestin."
Pungolati da Ciano, abbiamo completato lo studio, basandoci sui dati forniti nella medesima osmiza da Ciano medesimo, Ucio, Toio, Toni, Bepi, Stelio, Duilio, Pino, Furio, Marisa, Ondina e Jole.
Tutti ci hanno fornito la stessa visione dei fatti:
"Col triestin te se rangi par tuto, tute le lingue ga qualcossa de triestin. Mi in tute le parti che iero (in Jugo a far benzina, NDR), ghe go sempre parlà in triestin a tuti e se semo sempre capidi senza problemi."
Ecco dunque lo studio completato dal Monon Behavior Research Department, per il quale manderemo la fattura (in triestin, tanto i capissi) ai mati dello studio originale.




martedì 7 gennaio 2014

La Regione XXX Venezia Giulia

Ecco come compaiono i cartelli della Regione a chi va a fare un'escursione nel Bosco Salzer, a Trieste.

E il Friuli? Volentieri, no tegnimo, la provi in Friul.

venerdì 3 gennaio 2014

Robe che ne piasi: Maxino

Eco, una rubrica del blog sarà: robe che ne piasi.
E una sarà: triestini che merita. Che tante volte le se miscerà, come sto giro.
Maxino ga pena fato un disco, Ciano Mitraglia e il Civapcicio del destino, che se trova in tute le librerie più bobe de Trieste, e anche in qualche altro negozio tipo Music Movies che xe quel tra via Roma e via Milano, a 10 euri. Se trova anche online al link de sora, per dir. Bon, mi penso che 10 euri li stramerita tuti. E penso che tuti quei che ga a cuor i giovani triestini che ga qualcossa de dir e de far de bel per la cità dovessi andar a ciorselo, per sostenerlo. Maxino ga fato più de un cd, xe propio una storia che parti dela prima e finissi con l'ultima canzon, un musical praticamente.
Xe za fora 2 videi de 2 canzoni, desso el farà el terzo (chi che vol partecipar, pol trovarse ale 10 davanti al teatro roman el 6 genaio, qua xe le istruzioni su dove andar e cossa far). Ma ghe tegnivo a mostrarve questo che go pena trovà per sbaio, per capir cossa intendo per triestini che merita. Sto qua xe un video spontaneo de mule che se diverti a cantar le sue canzoni. E no le xe gnanche triestine. Super. Me meti 'ssai alegria ste robe. Brave mule e bravissimo Maxino che fa cantar e divertir la gente. Daghe.



giovedì 2 gennaio 2014

Tuto xe nato qua...

Bon ciò, me par giusto che el primo post sia sula storia del Monon Behavior.
Tuto xe nato dei primi due studi sciementifici (che riposteremo anca qua), quel sula strada più veloce per andar in bici de Miramare a Opcine e quel sula clanfa triestina.
Bon, scriti per farse un do ridade tra de noi, i ga fato el giro via mail de tuta Trieste.
E da là xe nata l'idea de scriverne altri e far tipo una rivista scientifica, fata scientificamente ben, ma che parli de monade, perchè de solito i paper scientifici xe dei cugni epocali, dei :P
Le prime case editrici a cui ghe gavemo mandà do tochi in crose butai zo ala viva l'A e po' bon però ne ga dito tute: volentieri. I furlani invece xe stai più lungimiranti, e xe rivai a veder el potenziale che ghe stava drio al sbrisume.
E cussì xe nato el primo Monon Behavior, che xe sta' anche el primo libro de Bianca&Volta Edizioni, a cui oviamente ghe volemo tanto ben, visto che semo nati insieme. Gemei insoma, triestini e furlani.
Ebbene sì, al'origine del tuto ghe xe stada un'ibridazion coi lanfur. Aralaralà che robe!
In poco tempo le prime 200 copie xe finide. Poi xe finide le 500 dela ristampa. Poi le 1000 dela seconda ristampa... insoma ormai semo oltre le 5000 copie vendude, che vanzada!
E bon, diria che pol bastar per ogi. Ala prossima puntata altri anedoti. Tipo come xe andada la storia dela distribuzion nele librerie più bobe de Trieste...
La pagina facebook del Monon Behavior la trovè qua.
Qua el sito uficial.
E qua la newsleter per restar agiornai.
Ciò quanti link dei! Basta :D
Ciau!